Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Il Cavalier Giocondo in abito di gala, con caricatura, e detti.

 

CAV.

Eccomi a voi.

MAD.

Oh bello!

CAV.

Votre valet. (a don Alessandro.)

MAD.

Benissimo.

CAV.

Madam, donè la men. Votre troes umilissimo

Servitor, mon ami. (a don Alessandro.)

ALES.

Servitor di buon cuore.

CAV.

Tutto ai vostri comandi.

ALES.

Sono pien di rossore.

CAV.

Tabacco. (gli del tabacco.)

ALES.

Obbligatissimo.

CAV.

Spagna vera.

ALES.

Buonissimo. (stranuta.)

CAV.

Viva vostè.

ALES.

Umilissimo.

CAV.

Muchos agnos.

ALES.

Bravissimo.

MAD.

Viva, me ne rallegro, cavalieri garbati.

Bella conversazione! (Affé, si son trovati). (da sé.)

CAV.

Madama...

MAD.

Compatite, signor, la malagrazia:

Di dar la cioccolata quando ci fate grazia?

CAV.

Subito. Chi è di ? No, fermate, mi preme

Che la conversazione tutta la beva insieme.

Manca donna Marianna, manca vostro cognato,

Il marchese di Sana che fu da me invitato.

Mancan degli altri ancora, e per compir la cosa,

Manca, con riverenza, la mia signora sposa.

MAD.

Manchi chi vuol mancare, la beveranno poi:

Intanto noi ci siamo, la beveremo noi.

CAV.

Perdonate, Madama. Cavalier, che vi pare? (a don Alessandro.)

ALES.

Al Cavalier Giocondo s'aspetta il comandare.

CAV.

Troppo onor.

ALES.

Mio dovere.

CAV.

Gentile.

ALES.

Compitissimo.

CAV.

Mio signor.

ALES.

Vostro servo.

CAV.

Divoto.

ALES.

Obbligatissimo.

MAD.

(Oh pazzi maladetti!) E intanto non si beve.

CAV.

Ecco Madama nostra a far quel che si deve. (osservando la scena.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License