Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Madama Possidaria vestita in gala, e detti.

 

POSS.

Serva sua riverente. (a don Alessandro.)

ALES.

Con tutto il mio rispetto.

POSS.

Vi son serva divota. (a madama di Bignè, inchinandosi molto.)

MAD.

M'inchino al suo cospetto. (caricandola.)

POSS.

Cavalier, vi saluto. (al Cavalier Giocondo.)

CAV.

Madama nostra moglie.

POSS.

Perdonate, se tardi venni in coteste soglie.

In oggi alla francese si tratta sanfassone;

Fra amiche confidenti non vi vuol soggezione.

MAD.

Sì, amicissima cara. Siate la benvenuta;

Anch'io vi ho sempre amata, benché mai conosciuta.

POSS.

Sieda chi vuol sedere, e chi non vuol, si stia.

ALES.

Madama è gentilissima.

CAV.

Ella è scolara mia.

MAD.

Una parola in grazia. (a madama Possidaria.)

POSS.

Io so le buone usanze:

Dite che tutti sentano. Non facciamo increanze.

MAD.

Con tutta civiltà. Se non volete darla

Un po' di cioccolata, io manderò a comprarla.

POSS.

Dica, signor marito...

CAV.

S'aspetta... Eccoli qua.

Presto, la cioccolata. Ora si beverà.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License