Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Lisaura e Gianfranco; poi il Marchese.

 

GIAN.

Mi son portato bene?

LIS.

Davvero, a maraviglia.

GIAN.

Ingegnosa è la fame, quando davver consiglia.

MARC.

(Pellegrini?) (da sé, osservandoli.)

LIS.

(Chi è questi?) (piano a Gianfranco.)

GIAN.

(Parmi averlo veduto). (a Lisaura.)

MARC.

(Colui mi par altrove averlo conosciuto). (da sé.)

LIS.

(Andiam nell'altra stanza). (piano a Gianfranco.)

GIAN.

Non facciam sospettare.

MARC.

Amico. (a Gianfranco.)

GIAN.

Vi son servo.

MARC.

Non credo di fallare.

Favorite di grazia, non siete il pellegrino

Che un faceva in piazza l'astrologo a Torino?

LIS.

(Siam conosciuti).

GIAN.

È vero. A voi non vo' negarlo.

Ma pregovi, signore, per grazia, di celarlo.

Promesso ha il Cavaliere di farmi carità;

Perdo un poco di bene, se l'esser mio si sa.

Potrebbe provvedermi la mia virtude in piazza;

Ma abbandonar non voglio quella buona ragazza.

MARC.

Che roba è?

GIAN.

Onestissima.

LIS.

Signor, non mi crediate...

MARC.

Saper io non mi curo chi siate o chi non siate. (a Lisaura.)

Ho bisogno di voi. (a Gianfranco.)

GIAN.

Potete comandarmi.

Col Cavalier vi prego però non rovinarmi.

MARC.

Con lui non parlerò. Basta che voi venghiate

Meco da una signora. Vo' che l'astrologhiate.

V'insegnerò di lei, e d'un figliuol che ha seco,

Quel che dovete dire. Andiam. Venite meco.

GIAN.

Ma la compagna mia?

MARC.

Lasciatela per poco.

La dama è in questa casa; presto facciamo il gioco.

V'informerò di tutto ben bene nel cammino,

E voi comparirete bravissimo indovino.

GIAN.

Signor, da quel ch'io vedo, sarete persuaso,

Che senza tali aiuti noi favelliamo a caso.

Anche la nostra è un'arte che vien dall'impostura;

Che il ver colla menzogna di colorir procura.

Che fa, come tant'altre, i suoi castelli in aria,

Ma è meno fortunata, perch'è men necessaria.

Di più non vo' spiegarmi. Chi è astrologo, indovina. (parte.)

MARC.

Non so se dire intenda di legge o medicina. (parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License