Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO QUINTO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Don Pedro ed il conte di Bignè.

 

PED.

Eccoli, li vedete?

CON.

Adesso li ho veduti.

PED.

Per star da solo a sola, per via si son perduti.

CON.

Eh! lasciamoli fare. Alfin son due persone

Libere tutte due; non danno osservazione.

Peggio è di mia cognata, che non so dove sia.

PED.

Coi padroni di casa la vidi in compagnia.

CON.

Corre qua e , che pare abbia il demonio addosso,

lo sono un poco greve, correr con lei non posso.

Affé, non vedo l'ora che il viaggio sia finito:

Quando torniamo a casa, ci pensi suo marito.

PED.

Come faceste mai a prender tal intrico?

A custodir le donne non vi vuol poco, amico.

Basta, per altro anch'io ero male impacciato,

Avevo un brutto impegno: il ciel m'ha liberato.

A moderar l'affetto di madre capricciosa,

Credo le abbia giovato il desio d'esser sposa.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License