Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO QUINTO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Donna Marianna, il  Marchese e detti.

 

MAR.

Lasciate che per poco si sfoghi la natura.

Lascio un figliuol, non posso scordarmene a drittura.

È ver che l'ho veduto lietissimo e contento,

Ma sente un cuor di madre ancor qualche tormento.

MARC.

Vi compatisco, un giorno vedrovvi consolata.

MAD.

Che ha donna Marianna, che parmi addolorata?

MARC.

Lascia un unico figlio.

MAD.

Di voi non è invaghita?

MARC.

Meco in questo momento s'è in matrimonio unita.

MAD.

Brava, me ne rallegro; e voi piangete? Affé,

Tempo in giorno di nozze da piangere non è.

Fate che il nuovo sposo v'accheti e vi consoli;

Un marito che piace, val per dieci figliuoli.

Guardate se i bauli avessero legato. (al Conte.)

CON.

Ma se aspettate gli altri...

MAD.

Gli altri m'hanno annoiato.

Voglio partir.

CON.

Benissimo. Vi manderò l'avviso. (parte.)

MAD.

Ecco don Alessandro; non vo' mirarlo in viso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License