Carlo Goldoni
La calamita de' cuori

ATTO TERZO

SCENA QUINTA   Armidoro, poi Bellarosa e Pignone

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Armidoro, poi Bellarosa e Pignone

 

ARM.

Lo conosco, lo so;

Valor non ho che vaglia

Le donne ad eguagliar di questa taglia.

BELL.

Bravo! me ne consolo. (a Pignone)

PIGN.

Voglio mostrar anch'io la mia bravura;

Benché un poco in età, non ho paura.

ARM.

Bella, io vado al cimento,

E a voi consacro i colpi:

A voi, che di quest'alma il nume siete,

A voi, che del mio cor l'arbitrio avete.

BELL.

Vivano i valorosi!

Tornerete gloriosi;

Ed io m'impegno al più valente e prode

Ricco premio donar d'applausi e lode.

ARM.

Ma la destra?

PIGN.

Ma il core?

ARM.

Il fortunato

Quale sarà di noi?

BELL.

Di questa cosa parleremo poi.

ARM.

Vado dunque al cimento,

Tutt'amor, tutto foco,

E il vostro nome in mio soccorso invoco.

 

Begli astri lucenti

Dell'idolo amato,

Ferito, piagato

M'avete nel sen.

Deh, grati alla fede,

Pietosi al tormento,

In mezzo al cimento

Scortatemi almen! (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License