Carlo Goldoni
La cameriera brillante

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Brighella e Ottavio.

 

OTT. (Ah! non mette conto di riscaldarsi per questo. Quando si vuol bene, si soffre). (da sé)

BRIGH. Se la comanda, la resti servida.

OTT. Dove?

BRIGH. All'osteria, signor.

OTT. Giudichi tu che i miei pari vadano alle osterie?

BRIGH. No so cossa dir, signor; so che alle osterie ghe van i primi signori, i primi cavalieri de rango.

OTT. Sì, alle locande, agli alberghi, non ad un'osteria da campagna.

BRIGH. E pur la me creda che i tratta ben, con civiltà e con pulizia.

OTT. Eh, non sapranno far niente di buono.

BRIGH. Basta spender, i fa de tutto.

OTT. Spender quanto? Una doppia al giorno?

BRIGH. Oh! assae manco.

OTT. Io non spendo meno.

BRIGH. Per quanti, signor?

OTT. Per me solo. Alla servitù do danari.

BRIGH. Veramente per una doppia al zorno non so se i g'averà tanto.

OTT. Vi sarà almeno un poco di salvatico?

BRIGH. Ho paura de no.

OTT. Sapranno fare salse, torte, pasticci.

BRIGH. Oh! de sta roba in campagna?

OTT. Queste sono cose che ci vogliono per un galantuomo.

BRIGH. Ghe son tanti galantomeni che fan senza ste cosse.

OTT. Il vostro padrone come si tratta?

BRIGH. Alla casalina, ma no ghmal. La so manestra, per consueto de risi o de pasta fina.

OTT. Sì.

BRIGH. La so carne de manzo, con un bon capon.

OTT. Buono.

BRIGH. Un rosto de vedèlo o de oseletti.

OTT. Ottimamente.

BRIGH. Un piatto de mezzo, che vol dir o un stufadin, o quattro polpette e cosse simili, el so formaggio, i so frutti.

OTT. Una cosa che va benissimo. Dite al vostro padrone che assolutamente voglio essere a pranzo con lui.

BRIGH. Ma no ghtorte, no ghpastizzi, no ghsalvadego.

OTT. Non importa. In un altro genere questo trattamento mi piace.

BRIGH. Ella è avvezza a spender una doppia al zorno.

OTT. La doppia che dovrei spendere all'osteria, la regalerò a voi. Fatemi restare a pranzo col vostro padrone.

BRIGH. La me vol donar una doppia?

OTT. Sì, ve la prometto.

BRIGH. No sarà per el desinar; sarà per qualcoss'altro.

OTT. Per che vorreste dire che fosse?

BRIGH. Son omo del mondo, sala, lustrissimo.

OTT. Bravo; con questi uomini mi piace assaissimo aver che fare. Se mai il signor Pantalone vi licenziasse, fate capitale di me.

BRIGH. Ghe n'ala bisogno de servitori?

OTT. Non ne ho bisogno: ne ho quattordici; ma quando mi capita un uomo di garbo, lo prendo per soprannumerario.

BRIGH. E cossa dala de salario, se è lecito?

OTT. Tutto quel che vogliono. Due doppie per il salario; sei zecchini per la panatica. Livrea, piccolo vestiario, gli spogli del mio guardarobe. Mancie ogni mese, ricognizioni quando servono bene, e gli avanzi della mia tavola, che qualche giorno costa cento zecchini.

BRIGH. (Oimei! troppa roba!) (da sé)

OTT. Giacché dunque avete capito, operate per me. Mi preme restare: non per la tavola, che non serve né meno per i miei servitori, ma per qualche altro fine; già mi capite. Portatevi bene con me, ch'io tratterò bene da mio pari con voi.

BRIGH. No la se dubita; la lassa far a mi.

OTT. Mi tratterrò in questi contorni, dove penso di comprare duemila campi. Intanto osserverò dove si può piantare un palazzo.

BRIGH. (una bagattella). (da sé) Lustrissimo, se la me pagasse da bever l'acquavita?

OTT. Sì, volentieri. (tira fuori la borsa e versa i denari nella palma della mano, mostrandoli con affettazione) Ecco qui la borsa delle piccole monete: prendetevi quel che vi piace.

BRIGH. La borsa delle piccole monete? Ghe son dei zecchini.

OTT. Tutte piccole monete: servitevi.

BRIGH. (Squasi, squasi, torria mi...) (da sé)

OTT. Animo.

BRIGH. Se togo un zecchin?...

OTT. Eh via, siete così timido? Tenete, così alla sorte. (gli una moneta, mostrando di non guardarla)

BRIGH. I xe do soldi, sala?

OTT. Amico, ci siamo intesi.

BRIGH. Sta moneda...

OTT. È vostra. Quel che ha fatto la sorte, sia ben fatto. Portatevi bene, e metteremo mano alla borsa grande.

BRIGH. Ma sta volta...

OTT. Se venissero qui i miei camerieri, i miei lacchè, i miei cocchieri, dite loro che sono poco lontano. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License