Carlo Goldoni
La cameriera brillante

ATTO SECONDO

SCENA VENTIDUESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIDUESIMA

 

Argentina vestita da contadina, e detti. Poi Traccagnino in abito da villano.

 

ARG. Patroni, bondì sioria.

PANT. Cossa fastu, mattazza?

ARG. I m'ha dito che da nozze. Son vegnua a consolarme.

PANT. Oh che cara Arzentina!

ARG. Mi no son Arzentina. Son Momoletta da Chirignago, fia de missier Stropolo da Musestre e donna Rosega da Mogian.

FLOR. Oh, quanto spicca più una donna in quell'abito!

OTT. Se prima sembravi un sole, ora tu mi sembri una larva. (ad Argentina)

ARG. Caro sior larva e l'arve. Mi no parlo con vu. Son qua per sior Florindo; voggio parlar con ello.

FLOR. Sentite? è venuta per me. Le contadine vengono per me, e le stimo assai più delle vostre madame.

PANT. (Custìa xe un gran spiritazzo; la parla venezian come se la fusse nata a Venezia. Xe assae per una forestiera).

ARG. Ve voleu maridar? (a Florindo)

FLOR. Può essere che mi mariti.

ARG. Co sta putta, nevvero? (accenna Clarice)

FLOR. Non so; potrebbe darsi.

CLAR. Credo di sì per altro.

ARG. Ben donca, se ve volè maridar, putti cari, imparè come che se fa co se xe maridai. Oe, marìo, dove seu?

TRACC. (Vestito da villano) Son qua, fia mia.

ARG. Marìo, stassera vegnì a casa a bonora.

TRACC. Sì ben, volentiera.

ARG. Se divertiremo vu e mi.

TRACC. Zogheremo all'oca.

ARG. Doman anderemo insieme al mercà.

TRACC. Sempre insieme. Marìo e muggier sempre insieme.

ARG. Compreremo una carpetta per mi, e da far una velada per vu.

TRACC. E coi bezzi alla man, la gh'averemo più a bon mercà.

ARG. I bezzi no li spendemo tutti. Tegnimose el nostro bisogno.

TRACC. Disè ben. Faremo pochetto, ma faremo coi nostri bezzi.

ARG. No voggio debiti.

TRACC. Che nissun ne vegna a batter alla nostra porta.

ARG. Alla nostra tola nissun ha da vegnirne a magnar le coste.

TRACC. Gnanca mi no anderò a scroccar da nissun.

ARG. Se vorremo ben.

TRACC. Goderemo la nostra pase.

ARG. Mi laorerò.

TRACC. E mi ve farò compagnia.

ARG. E nissun mormorerà.

TRACC. E nissun dirà mal de nu.

ARG. Vago in cusina a parecchiar da disnar.

TRACC. E mi magnerò colla mia Momoletta.

ARG. Vago, marìo. Voggième ben.

. Sì, cara, ve ne vorrò.

ARG. Oe. (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License