Carlo Goldoni
La cameriera brillante

ATTO SECONDO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Argentina colla veste e la berretta da Pantalone, e detti.

 

ARG. Fermeve, siori, e no tarocché, che tutti gh'avè rason. Sior Ottavio va troppo in alto, sior Florindo el va troppo basso; e chi vuol le mie putte, vôi che el vaga per la strada de mezzo. Momola vol che el marìo sia un orso: la contessa dell'Orizzonte la vorria che el fusse una piegora; e mi digo che el marìo l'ha da far co fa i manzi, che sempre i laora compagnai, e no i va soli, se no quando i li porta alla beccaria. Flaminia xe troppo umile; Clarice xe troppo altiera. Sior Ottavio gh'ha troppo fumo; sior Florindo gh'ha del rosto, ma el lo lassa brusar. Saveu chi gh'ha giudizio? chi gh'ha prudenza? Pantalon dei Bisognosi. Nol xe omo che ghe piasa grandezze, ma no ghe piase gnanca l'inciviltae. Nol xe un armelin, come sior Ottavio, ma nol xe gnanca una piegora monzua, come sior Florindo. E saveu chi xe una putta de sesto, che me piase assae? Arzentina. Anca ella, poverazza, no la xealtiera co fa un basalisco, né gnocca co fa una talpa: la gh'ha anca ella un no so che de mezzo, che me piase anca a mi. Sangue de diana! Sibben che so vecchio, la vôi sposar. Putte, destrigheve vualtre, che me vôi destrigar anca mi: e fe presto, perché no posso più star in stroppa.

El matrimonio è quello che consola

Zoveni, vecchi e quei de mezza età.

El zovene s'infiamma a una parola;

L'omo fatto vuol esser carezzà.

Ma più de tutti el povero vecchietto

Giubila, se qualcun ghe scalda el letto. (parte)

PANT. La m'ha incocalìo.

OTT. Io son rimasto sorpreso, quando ha sostenutobene il carattere della dama. (parte)

FLOR. Mi ha innamorato, quando faceva la contadina. (parte)

FLA. Signor padre, avete inteso quello che ha detto Argentina? Se vi preme ch'io liberi la casa, disponete di me. (parte)

CLAR. Ricordatevi che s'avvicina l'inverno; se vi dispiace il letto diacciato, potete riscaldare il mio ed il vostro nel medesimo tempo. (parte)

PANT. Arzentina nol saria un cattivo scaldaletto; ma no vorria che, invece de scaldarme, la me brusasse. No so gnente; ghe penserò ancora un poco. Dirò co dise el lunario:

Quel che xe scrito in ciel succede in tera.

Amor xe orbo, e no xe maraveggia

Se un paron xe colpio da una massera. (parte)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License