Carlo Goldoni
La cameriera brillante

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Argentina, poi Florindo.

 

ARG. Anche questo è persuaso di farla.

FLOR. Come diamine volete ch'io faccia una parte di damerino?

ARG. In commedia si può far tutto.

FLOR. Non vi riuscirò, e non la voglio fare.

ARG. Vossignoria non sa niente. Pare a lei che la parte sia di un cicisbeo, di un damerino, di un affettato. Ma non è vero. Vedrà, sentendo la cosa unita, che tutte queste cose le pone anzi in ridicolo.

FLOR. Se la cosa fosse così...

ARG. È così senz'altro. Si fidi di me.

FLOR. Avvertite bene.

ARG. Stia sulla mia parola.

FLOR. Ma vi sono cose che mi fanno venir la rabbia dicendole.

ARG. All'ultimo poi avrà piacere.

FLOR. Mi proverò.

ARG. Andiamoci a preparare.

FLOR. Io non l'ho potuta imparare.

ARG. Il suggeritore l'aiuterà.

FLOR. Madama... v'adoro... permettetemi che io vi serva... Sono cose che mi fanno venire il vomito. (parte)

ARG. La commedia è distribuita così bene, che non può essere meglio. Veder rappresentare caratteri da persone che non li sanno sostenere, è una cosa da crepar di ridere. Se s'introducesse questo buon gusto, tutti i commedianti riuscirebbero a perfezione. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License