Carlo Goldoni
La cameriera brillante

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Pantalone e Brighella.

 

PANT. Custìa la xe molto furba. L'ha fatto sta scena col so perché. Ma la l'ha mo fatta con tanta bona grazia, che la m'ha coppà.

BRIGH. Sto soliloquio lo vorla dir? (a Pantalone)

PANT. Perché no? provemose. Tegnime drio, se fallo.

BRIGH. (Anca questo l'è un bel divertimento. Ma vedo dove ha da finir la scena per Arzentina). (da sé, e si ritira)

PANT. Cupido, se tu mi hai fatto una ferita nel cuore, tu puoi essere la medicina della mia cicatrice. È vero che l'è una serva, ma dice il poeta:

Ogni disuguaglianza amor uguaglia.

Io son vecchio... e non troverei...

BRIGH. Vecchio impotente... (suggerendo)

PANT. Quella parola no la voggio dir.

BRIGH. La parte la dis cussì.

PANT. E mi no la voggio dir.

BRIGH. El poeta se lamenterà.

PANT. El poeta nol sa i fatti mii; e da qua un anno el vederà che l'ha dito mal.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License