Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Zorzetto di strada, e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Zorzetto di strada, e dette

 

ZORZETTO Cossa voleu?

LUCIETTA Vorave un servizietto.

ZORZETTO Comandème.

LUCIETTA Andè .

Gnese ve darà un fior, portèlo qua.

ZORZETTO Volentiera; son qua, buttèlo zo. (a Gnese)

GNESE Oh giusto!

ZORZETTO Vegno suso?

GNESE Missier no:

Calerò zo el cestelo. (cala il fiore nel cestino)

Portèghelo a Lucietta.

ZORZETTO Mo co belo!

El someggia dasseno a chi l'ha fatto.

GNESE Andè via, che sé matto.

LUCIETTA Ti lo sprezzi?

ZORZETTO No me volè più ben?

GNESE Che puttellezzi!

ZORZETTO Ve degnévi una volta de ziogar

Co mi alle bagatele.

GNESE Eh via, che le cosse da putele.

LUCIETTA Adesso ti granda,

Gnese, oe vàrdeme in ciera,

Zogheravistu in t'un'altra maniera?

GNESE Via, ghe lo deu quel fior? (a Zorzetto, irata)

ZORZETTO Subito siora.

Cossa gh'aveu con mi? Mo che desgrazia!

Cossa mai v'òggio fatto?

GNESE Uh mala grazia! (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License