Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO SECONDO

Scena Settima. Orsola sul pergolo, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Orsola sul pergolo, e detti

 

ORSOLA Cossa te fai, fio mio?

Oe, lassé star mio fio,

Che per diana de dia se vegno zo,

Qualcossa su la testa ve darò.

LUCIETTA Via, via, manco sussuro.

ANZOLETTO Sto spuzzetta

No voggio, che el ghe parla co Lucietta.

ZORZETTO Cossa m'importa a mi?

ORSOLA Za per culìa

Sempre se fa baruffa.

LUCIETTA Voleu, che ve la diga, che son stuffa?

ORSOLA No se ghe poi più star in sto campielo

Co sta sorte de zente.

LUCIETTA Oe, oe, come parleu?

ORSOLA Vardè , che lustrissima! Chi seu?

LUCIETTA Frittolera.

ANZOLETTO Tasé. (a Lucietta)

ORSOLA Sporca.

ANZOLETTO Sangue de diana,

Che debotto debotto... (verso Orsola)

ZORZETTO Cossa voressi far? (contro Anzoletto)

ANZOLETTO Via, sior pissotto. (minacciandolo)

ORSOLA Lassélo star quel puto, e vu patrona

Mio fio no lo vardè.

LUCIETTA Oh, no v'indubitè, che no vel tocco;

Vardè che bel aloco!

Che no ghe sia de meggio in sto paese?

Vardè, che fusto! Che lo lasso a Gnese.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License