Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO TERZO

Scena Prima. Donna Catte e Angioletto escono di casa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Donna Catte e Angioletto escono di casa

 

DONNA CATTE Vegnì con mi, fio mio.

Parleremo tra mi, e vu,

Che Lucietta no senta.

ANZOLETTO Comandè.

DONNA CATTE Sta puta ve vol ben, vu vegnì qua;

anca vu inamorà;

Tempo avè tiolto de sposarla un ano,

A farlo ancuo no se ve pol sforzar;

Ma mi la guardia no ghe vòi più far.

ANZOLETTO Cossa mo voleu dir?

DONNA CATTE Vòi dir, fio mio,

Che za, che no volè sposarla adesso,

No vegnì cusì spesso.

ANZOLETTO Cara siora,

La sposeria, ma no se pol gnancora.

Se aspetterè, che metta

Suso una botteghetta

Come presto de far me proverò,

Subito vostra fia la sposerò!

DONNA CATTE Mi no digo, che el , co no podè;

Ma intanto slontanéve.

ANZOLETTO Co sto parlar me vegnir la freve.

No voria, che ghe fusse

Sotto qualcossa.

DONNA CATTE No dasseno, fio.

Anca mi mio mario

El me fava aspettar, nol la feniva;

E mia madona mare,

Me la recordo ancora,

La gh'ha dito: sior Boldo, o drento, o fora.

ANZOLETTO Lassé, che ve prometto

De far più presto, che se poderà.

DONNA CATTE Ma intanto mi no vòi, che vegnì qua.

ANZOLETTO Mo perché, cara siora?

DONNA CATTE Ve l'ho dito,

No ghe vòi far la guardia.

ANZOLETTO Xèla stà gran fadiga a star con nu

Tre, o quattro ore al ?

DONNA CATTE Prima de tutto ve dirò de sì;

E po gh'è un'altra cossa,

Che no la voggio dir.

ANZOLETTO Sì ben, sì ben, me saverò chiarir.

DONNA CATTE Cossa sospettereu?

ANZOLETTO Che gh'abbiè voggia

De darla a qualchedun.

DONNA CATTE No, la mia zoggia.

Ve dirò, per chiarirve; caro fio,

Son vedua, no son vecchia,

Anca a mi de le volte

Me salta i schiribizzi...

No posso far la guardia a do novizzi.

ANZOLETTO Squasi me da rider.

DONNA CATTE Mo per cossa rideu?

Perché ho dito cusì me minchioneu?

Povero sporco, se savessi tuto!

Ma no ve voggio dir, perché sé puto.

ANZOLETTO Maridève anca vu.

DONNA CATTE Za ho stabilio;

Co ho destrigà sta puta.

ANZOLETTO V'ho capio.

Presto, presto voressi destrigarve,

Per voggia, che gh'avè de maridarve.

CATTE O per questa, o per quela

Mi ve la digo schieta,

Qua no vegnì, se no sposé Lucieta.

ANZOLETTO No voria co le scattole

Zirar per la città, quando la sposo.

DONNA CATTE Oe saressi zeloso?

Ca de diana de dia,

Mi ve dago una fia ben arlevada,

Che la podè menar in t'un'armada.

ANZOLETTO Ma quel poco de dota,

Che avè dito de darme?

DONNA CATTE Vederò de inzegnarme,

Ghe darò i so manini, el so cordon,

Un letto belo, e bon coi so ninzioi,

E quattro paneseli per i fioi.

ANZOLETTO Quattro soli? no ghe n'avè de ?

DONNA CATTE Ghe n'ho, ma i altri i vòi salvar per mi.

ANZOLETTO Oh che cara donetta, che vu sé.

DONNA CATTE Sior sì, cusì la .

Ghe darò do vestine, e tre carpette

Una vesta, un zendà, che bonetto,

Tutto el so bisognetto;

E po, come stadi i nostri pati,

Mi ve darò a la man diexe ducati.

ANZOLETTO I gh'aveu mo sti bezzi?

DONNA CATTE No li gh'ho

Ma presto i troverò.

Se vago co la puta in do, o tre case,

Che ne faremo più de vinti.

ANZOLETTO Piase?

Volè menarla a torzìo?

Questo po no, sorela.

DONNA CATTE Cossa credeu, che i li darà per ela?

Per mi, vedè, per mi, che se savessi,

Gh'ho più de un protetor;

E co i me vede, i me darave el cuor.

ANZOLETTO (Orsù, ghe voggio ben, e co sta vecchia

No la me par segura,

Tòrghela da le man voggio a dretura).

DONNA CATTE Cusì, sior Anzoleto,

Diseu de sì, o de no?

ANZOLETTO Anca ancuo, se volè, la sposerò.

DONNA CATTE Mi ve la dago subito. Lucieta. (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License