Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO TERZO

Scena Seconda. Lucietta di dentro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Lucietta di dentro e detti

 

LUCIETTA Siora. (di dentro)

ANZOLETTO Aspettè un tantin.

No gh'el dixè gnancora.

DONNA CATTE Mo perché?

ANZOLETTO Cara siora, lassé

Che fassa i fatti mii, la 'l saverà.

Vòi comprarghe un anelo.

LUCIETTA Aveu chiamà? (esce di fuori)

DONNA CATTE Lucietta, me consolo.

LUCIETTA De cossa?

ANZOLETTO Mo tasé. (piano a donna Catte)

DONNA CATTE De gnente.

LUCIETTA Dime, cossa gh'è, Anzoletto?

ANZOLETTO Gnente, gnente, fia mia.

DONNA CATTE Vàrdalo in ciera.

LUCIETTA Mo cossa gh'è?

DONNA CATTE Ti el saverà stassera.

ANZOLETTO (No la pol tàser).

LUCIETTA Via, diséme tutto.

DONNA CATTE Che ghel diga? (ad Anzoletto)

ANZOLETTO Tasé. (a donna Catte)

DONNA CATTE Mo se no posso,

Se no me lassé dir, me vien el gosso.

LUCIETTA Son curiosa dasseno.

ANZOLETTO Via parlè.

Dixè quel che volè.

Vago a tòr quel servizio.

LUCIETTA Ti va via?

ANZOLETTO Vago, ma tornerò. Cara culìa! (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License