Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO TERZO

Scena Quinta. Donna Pasqua e Gnese; poi Zorzetto, poi Lucietta e donna Catte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Donna Pasqua e Gnese; poi Zorzetto, poi Lucietta e donna Catte

 

DONNA PASQUA Dove xèle?

GNESE Lucietta. (chiama forte)

LUCIETTA Vegno, vegno. (di dentro)

GNESE Son qua, se me volè.

DONNA PASQUA Dove xèla la sémola? (forte)

LUCIETTA Aspettè. (di dentro)

ZORZETTO Se se zoga a la sémola,

Vòi zogar anca mi. (di casa)

DONNA PASQUA Sì, sì, fio mio, ti zogherà anca ti.

Fèghe ciera a Zorzetto. (a Gnese)

Ti sa quel, che t'ho dito:

De qua a do anni el sarà to mario.

Mo vien qua, caro fio;

Vien arente de nu.

GNESE Giusto mo adesso no lo vardo più.

ZORZETTO Son qua; dove se zioga?

DONNA PASQUA T'ala dito to mare?

ZORZETTO La m'ha dito,

E la m'ha consolà.

Sioria novizza. (a Gnese)

GNESE Oh matto inspirità! (sorridendo)

(Lucietta e donna Catte portano il tavolino colla sémola)

LUCIETTA Semo qua, semo qua.

DONNA CATTE Vòi contentarla.

LUCIETTA Gh'èla to mare? (a Zorzetto)

ZORZETTO Sì.

LUCIETTA Voggio chiamarla.

Sior'Orsola! (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License