Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO TERZO

Scena Sesta. Orsola di casa, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Orsola di casa, e detti

 

ORSOLA Chiameu?

LUCIETTA Vegnì anca vu, vegnì a zogar; voleu?

ZORZETTO Sì, cara siora mare.

ORSOLA Perché no?

DONNA PASQUA Semo qua in compagnia.

ORSOLA Ben ziogherò.

LUCIETTA Un soldeto per omo.

DONNA PASQUA Via, salùdela. (a Gnese)

GNESE Patrona.

ORSOLA Bondì, Gnese. Cossa gh'àla? (piano a donna Pasqua)

Gh'aveu dito?

DONNA PASQUA Gh'ho dito.

ORSOLA La vien rossa.

DONNA PASQUA La contenta; ma no la se ossa.

LUCIETTA (Oe siora mare, cossa gh'è de niovo

In tra Gnese, e Zorzetto?). (a donna Catte)

DONNA CATTE (Credo, che i sia novizzi).

LUCIETTA (Vara, che stropoletto!).

GNESE Zoghemio?

LUCIETTA Mettè suso; (mette il soldo nella sémola)

Questo el mio.

GNESE Anca mi.

ORSOLA Questi qua do soldi. Anca per ti.

DONNA PASQUA Gnese, imprèsteme un soldo.

GNESE Oh, oh! varè!

No la gh'ha mai un bezzo. Via, tolè.

LUCIETTA Siora mare, metteu?

DONNA CATTE Metterò, aspetta. (tira fuori uno straccio)

ZORZETTO La gh'ha i bezzi zolai co la pezzetta!

DONNA CATTE Fazzo per no li perder. Tolè el soldo.

LUCIETTA Zoghemo, e no criemo.

ORSOLA Per mi, no parlo mai.

LUCIETTA Presto, missiemo. (mescola ma sémola)

ORSOLA Vòi missiar anca mi.

LUCIETTA Mo za, se sa;

No la mai contenta.

ZORZETTO Voggio darghe anca mi una missiadina.

LUCIETTA E missieremo fina domattina.

GNESE Via basta, femo i mucchi. (mette le mani nella sémola)

LUCIETTA I mucchi i vòi far mi. (fa alcuni mucchi colla sémola)

ORSOLA Eh, che no savè far. Se fa cusì.

LUCIETTA Oh, siora no, no voggio,

Che m'insporché la sémola de oggio.

ORSOLA Gh'ho le man nete più de vu patrona.

DONNA PASQUA Zitto. Li farò mi.

LUCIETTA Via, la più vecchia.

ORSOLA La più vecchia, sì ben.

DONNA PASQUA Povere matte!

Mi la più vecchia? tocca a donna Catte.

DONNA CATTE Vecchia cottecchia!

DONNA PASQUA Cossa?

GNESE Gnente.

DONNA PASQUA No v'ho capio.

ORSOLA A monte, a monte; fali ti, fio mio. (a Zorzetto)

ZORZETTO Ve contenteu? (poi va facendo i monti)

LUCIETTA Provève,

Quelo tropo picolo.

Quelo tropo grosso.

ZORZETTO No ve contentè mai.

LUCIETTA Fèli più destaccai.

ZORZETTO Tolè, i fatti.

LUCIETTA Questo mi.

ORSOLA Lo vòi mi.

DONNA CATTE Via, femo i patti.

LUCIETTA Aspettè, che cusì

Nissun più crierà.

Tolemo suso per rason d'età.

GNESE Ben, ben, mi sarò l'ultima.

LUCIETTA No ghgran diferenza tra de nu.

DONNA PASQUA Donna Catte, a zernir ve tocca a vu.

DONNA CATTE Oh, ve cedo, sorela.

DONNA PASQUA Come!

DONNA CATTE Ve cedo de dies'ani, e più.

DONNA PASQUA Povera vecchia fiappa.

LUCIETTA Via, via, femo cusì: chi chiappa, chiappa. (ognuna prende il suo monte, e vi cerca dentro il soldo)

DONNA CATTE Oe mi no trovo gnente.

GNESE Ghe n'è uno.

Un altro. Oe, altri do.

ORSOLA Brava dasseno.

LUCIETTA Quatro da vostra posta?

Sì, sì, sior Zorzi, l'avè fato a posta.

A monte, no ghe stago.

GNESE Se volè i quatro soldi, mi ve i dago.

LUCIETTA, DONNA CATTE Siora sì, siora sì.

DONNA PASQUA, ORSOLA, ZORZETTO Siora no, siora no.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License