Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO TERZO

Scena Ottava. Il Cavaliere da una parte, Anzoletto dall'altra; e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Il Cavaliere da una parte, Anzoletto dall'altra; e detti

 

CAVALIER FABRIZIO, ANZOLETTO (vanno dicendo: Zitto zitto, e le acchetano)

LUCIETTA Oe, tre ghe n'ho trovà.

ORSOLA E mi do.

ZORZETTO E mi uno.

LUCIETTA Mi son stada valente.

GNESE E mi, gramazza, no m'ha toccà gnente.

CAVALIERE Ma cosa mai è stato?

Che è accaduto di male?

LUCIETTA Gnente affatto.

Se zogava a la sémola.

CAVALIERE Che diavolo di gioco!

Credea, che andasse la contrada a foco.

LUCIETTA Anzoletto, tre soldi.

ANZOLETTO Brava, brava!

Sempre in strada a zogar?

LUCIETTA Oh via per questo me voreu criar?

ANZOLETTO Basta; la fenia.

LUCIETTA L'àstu portà?

ANZOLETTO Cossa?

LUCIETTA L'anelo.

ANZOLETTO Oh, donca lo savè.

LUCIETTA Lo so, seguro, che lo so.

ANZOLETTO Vardè.

LUCIETTA Oh belo! Siora mare.

GNESE Cossa gh'àlo portà? (a donna Pasqua)

DONNA PASQUA No ghe vedo.

GNESE Sior'Orsola,

Cossa gh'àlo portà? (piano)

ORSOLA L'anelo.

GNESE Sì?

ORSOLA Tasi, fia mia, ti el gh'averà anca ti.

GNESE Quando?

ORSOLA Co sarà tempo.

GNESE Ma quando?

ORSOLA Co mio fio

Sarà vostro mario.

GNESE (si volta per vergogna)

DONNA PASQUA Cossa gh'àla mia fia? (a Orsola)

ORSOLA La se vergogna.

DONNA PASQUA Via, no te far nasar, che no bisogna. (a Gnese)

LUCIETTA Gnese. (le mostra l'anello)

GNESE Me ne consolo.

CAVALIERE Mi lasciate così negletto, e solo?

ANZOLETTO Cossa gh'ìntrelo elo?

CAVALIERE Galantuomo,

Io sono un onest'uomo;

Non intendo sturbar la vostra pace.

Son buon amico, e l'allegria mi piace.

LUCIETTA (Oe disé, siora mare,

Se Anzoletto el volesse per compare!).

DONNA CATTE Magari! aspetta mi.

Zenero. (a Anzoletto)

ANZOLETTO Me chiameu?

DONNA CATTE El compare el gh'aveu?

ANZOLETTO Mi no, no l'ho trovà.

DONNA CATTE Doveressimo tòr quel, che .

ANZOLETTO Mo, se no so chi el sia.

DONNA CATTE N'importa, za el va via;

Fenio sto carneval,

No lo vedemo più.

ANZOLETTO No disé mal.

Cusì, quando le nozze fenie,

No gh'averò el compare per i piè.

DONNA CATTE Che ghel diga?

ANZOLETTO Diséghelo.

DONNA CATTE L'è fatta. (piano a Lucietta)

La senta, sior paron, (al Cavaliere)

Ghe vòi dir do parole in t'un canton.

CAVALIERE Son da voi, buona donna. (s'accosta in disparte con donna Catte)

ANZOLETTO (Una gran tribia, che mia madonna!).

ORSOLA Disé, sior Anzoletto,

Quando magnemio sti confetti?

LUCIETTA Presto.

ORSOLA Oh, v'ho visto alla ciera.

LUCIETTA N'è vero fio? (ad Anzoletto)

ORSOLA Quando sposeu?

LUCIETTA Stassera.

DONNA PASQUA (Tolè su; donna Catte

Un de sti la se pol maridar;

E mi ancora do anni ho da aspettar?).

DONNA CATTE Puti, sto zentilomo

Sarà vostro compare.

CAVALIERE Sì, signori,

È un onor, ch'io ricevo.

ANZOLETTO Grazie. (Za me consolo, che el va via).

DONNA CATTE El l'ha fatto, n'è vero? in grazia mia.

GNESE Ti contenta, che ti gh'ha l'anelo.

LUCIETTA Puti voleu, che femo un garanghelo?

ANZOLETTO Sì ben, un bianco, e un brun,

Tutti se tanserà tanto per un.

CAVALIERE Aspettate, a bel bello.

Ditemi, che vuol dire un garanghello?

ANZOLETTO Ghe lo spiegherò mi. Se fa un disnar;

Uno se tol l'insulto de pagar;

E el se rimborsa dopo de le spese,

A vinti soldi, o trenta soldi al mese.

ZORZETTO E ho sentio a dir da tanti, che i avvezzi

Aver oltre el disnar anca dei bezzi.

ORSOLA Ma in sta occasion, sior Anzoletto belo,

Me par, che nol ghe calza el garanghelo.

CAVALIERE Eh che andate pensando?

Che state fra di voi garanghellando?

Il compare son io,

E a tutti il desinar lo vo' far io.

LUCIETTA Bravo.

ORSOLA Bravo dasseno.

DONNA CATTE Vu no gh'intrè, sorela.

ORSOLA Che nol me invida? La saria ben bela!

CAVALIERE Tutti, tutti v'invito.

ORSOLA Grazie, e nu vegniremo.

GNESE Mi no ghe vòi vegnir.

DONNA PASQUA Sì, che anderemo.

CAVALIERE Camerier. (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License