Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Donna Isabella, Colombina e detti.

 

ISAB. Signor padre, ecco qui Colombina. Risponderà ella per me.

SANC. Hai da maritarti tu, e non Colombina.

COL. Signore, compatisca la sua semplicità. Ella non ha coraggio; dica a me ciò che le vuol proporre, e vedrà che risponderà a dovere.

SANC. Io le propongo il Conte per suo marito.

COL. Avete sentito? (ad Isabella)

ISAB. Sì.

COL. Che cosa dite?

ISAB. (Ride)

COL. Lo volete?

ISAB. Sì.

COL. Signore, ella è disposta a far il voler di suo padre.

SANC. Già me l’immagino. Avete sentito? (al Conte)

CON. Io son contentissimo.

SANC. Ora è necessario far venire sua madre. Non è giusto che si sposi la figlia, senza ch’ella lo sappia.

ISAB. (Se viene mia madre non ne facciamo altro). (da sé)

CON. Voi dite bene, ma la signora donna Luigia è tanto nemica di sua figlia, che si opporrà, e non vorrà che si sposi. (a don Sancio)

ISAB. Signor padre, è invidiosa.

SANC. Invidiosa di che?

ISAB. Vorrebbe esser ella la sposa.

SANC. Come! Vorrebbe esser ella la sposa?

ISAB. Ha detto tante volte: Se crepa mio marito, voglio prendere un giovinetto.

SANC. Povera bambina! Può esser che succeda il contrario. Orsù, Colombina, va a chiamare donna Luigia, e dille che venga qui, senza spiegarle per qual motivo.

COL. Vado subito.

ISAB. Presto, presto.

COL. (Capperi! l’innocentina va per le furie). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License