Carlo Goldoni
Il campiello

ATTO QUINTO

Scena Quattordicesima. Donna Pasqua di casa, poi donna Catte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Donna Pasqua di casa, poi donna Catte

 

DONNA PASQUA Se lo saveva avanti,

Ca de diana de dia,

Ghe ne voleva dir quattro a culìa!

A quel puto carogna?

DONNA CATTE E a mi, furbazzo,

Romperme i veri, e trarme una pierada?

A mi sta baronada?

DONNA PASQUA Oe, seu qua, vecchia matta?

DONNA CATTE Coss'è? Toleu le parte de colù?

Se non andè via, me refferò con vu.

DONNA PASQUA Vardè , che fegura!

Gnanca per questo no me paura.

DONNA CATTE Anca sì, che debotto

Ve chiappo per la petta.

DONNA PASQUA Mi no farò cusì,

Perché caveli non ghe n'avè .

DONNA CATTE Va' via, sorda.

DONNA PASQUA Sdentada.

DONNA CATTE Vecchiazza.

DONNA PASQUA Magagnada.

DONNA CATTE Vustu zogar?

DONNA PASQUA Vien via. (s'attaccano)

DONNA CATTE Ah! Lucietta. (chiama)

DONNA PASQUA Fia mia. (chiama)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License