Carlo Goldoni
Il conte Caramella

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA   Dorina, poi Brunoro

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Dorina, poi Brunoro

 

DOR.

Povera semplicina!

Per timor dello spirto, fugge via

Con un uomo di carne in compagnia.

Ma ho piacer che si creda

Lo spirito esser vero.

Che bizzarra invenzion! che bel pensiero!

Presto escite, Brunoro. (saccosta al nascondiglio)

BRUN.

Eccomi, o mio tesoro. (esce col tamburo)

DOR.

Riponete il tamburo.

BRUN.

Posso libero uscir?

DOR.

Siete sicuro.

BRUN.

E ben, che c’è di nuovo?

DOR.

La padrona

Continua a non volere

Ascoltare il Marchese. Egli procura

Tener tutti lontan da questa casa

Col pretesto dei spirti, e restar solo.

Ma costante nel duolo,

La vedova, fedele al suo marito,

Vuol piuttosto morir dall’appetito.

BRUN.

Io stanco son, Dorina,

Di stare in quella trappola

Come un topo serrato.

DOR.

Rammentate

Che cento doppie a noi

Ha promesse il Marchese: a me cinquanta

Per ammollir il cuore

Della padrona mia, barbaro e duro;

Cinquanta a voi per battere il tamburo.

BRUN.

Quanto più volentieri

Colà dentro starei, Dorina mia,

Se tu meco venissi in compagnia.

DOR.

Oh, io non ci verrei.

BRUN.

Per qual ragione?

DOR.

Oh che caro minchione!

Umido è il nascondiglio.

BRUN.

Credimi ch’egli è asciutto.

DOR.

Sarà dunque

Asciutto diventato

Dopo che vi sei tu, arso e spiantato.

BRUN.

Mi burli e mi disprezzi?

DOR.

Eh, che questi son vezzi,

Son grazie, son finezze.

BRUN.

Mi vuoi bene?

DOR.

Sì, sì, non annoiarmi:

T’amo, ti voglio ben, ma non seccarmi.

BRUN.

Sarai mia sposa?

DOR.

Sì, non te l’ho detto?

BRUN.

Ma io sento nel petto

Crescermi le punture.

DOR.

Basta così, non voglio seccature.

BRUN.

Via, spicciamola dunque;

Facciamo il matrimonio.

Mi spaventa dentro il rio demonio.

 

Sempre solo star dentro,

Oh che pena! oh che tormento!

S’io t’avessi in compagnia,

Vorrei stare in allegria,

Mi potresti consolar.

Sento gente: presto, presto,

Mi nascondo pronto e lesto;

Tornerò poi questa sera

Quei bei lumi a vagheggiar. (entra nel nascondiglio)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License