Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Don Sancio, il conte Ercole e donna Isabella

 

CON. Signora Isabella, finalmente sarete mia sposa.

ISAB. Questa sera ho da venire?

CON. Dove?

ISAB. A trovarvi.

CON. Verrò io a ritrovar voi.

SANC. Che diamine dici? Tu vorresti andare a ritrovar il Conte?

ISAB. Me l’ha detto il segretario.

SANC. Che cosa t’ha detto il segretario?

ISAB. Che questa sera anderò segretamente a parlare al signor Conte.

SANC. Ma dove?

ISAB. Verrà a prendermi e mi condurrà; ma che mia madre non lo sappia.

SANC. Come va la faccenda?

CON. Vi dirò, signore: vedendo il segretario che donna Luigia maltrattava la figlia, e prevedendo ch’ella si sarebbe opposta alle di lei nozze, mi ha fatta la proposizione di farmi avere furtivamente la signora donna Isabella. Ma io sono un uomo d’onore, ci ho pensato sopra con serietà, ed ho concepito essere questa un’azione indegna di me, onde più tosto sono venuto io stesso a dirvi l’ultimo mio sentimento.

SANC. Questo mio segretario mi comincia a render cattivo odore.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License