Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Seconda. Anzoletto, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Anzoletto, e detti

 

Anzoletto: E cusì, andemio ben? Sta camera xèla gnancora fenìa?

Sgualdo: Doman sarà tutto fenìo.

Anzoletto: vinti zorni, che sento a dir: doman sarà tutto fenìo.

Sgualdo: Mo, cara ela, se faremo cusì, no finiremo in do anni. La m'ha fatto far e desfar diese volte. L'ascolta tutti, la vòl far a modo de tutti.

Anzoletto: Gh'avè rason; ma adesso quel che dito, dito. Destrighemose, caro vecchio. Ancuo ha da vegnir la novizza. Sta notte gh'avemo da prencipiar a dormir.

Sgualdo: La camera da letto per stasera la sarà all'ordene.

Anzoletto: Cospetto de diana! me despiase che no sia all'ordene sta camera da recever. Cossa voleu, che diga la zente?

Sgualdo: Mi no posso far più de quel che posso.

Anzoletto: Trovè dei omeni, e destrigheve.

Sgualdo: Bisogna, che la me daga dei bezzi.

Anzoletto: Semo qua nu; bezzi, sempre bezzi. Taselo mai? sempre bezzi.

Sgualdo: Senza bezzi l'orbo no canta.

Anzoletto: Sieu maledetto! se no ghe n'ho!

Sgualdo: E mi come vorla, che fazza?

Anzoletto: Doman ghe ne troverò.

Sgualdo: I omeni bisogna pagarli. I tutta zente, che vive de fresco in fresco.

Anzoletto: Doman i sarà pagai, doman gh'averè dei bezzi quanti che vorè. Ghaveu paura che no ve paga? Da un zorno all'altro no se assedia i galantomeni in sta maniera.

Sgualdo: Se l'imbattesse da un zorno all'altro.

Anzoletto: Co ghe digo cusì, no se parla gnanca. el vostro debito, avè da far con un galantomo.

Sgualdo: Benissimo; aspetteremo doman.

Anzoletto: Ma destrigheve.

Sgualdo: Subito; la varda, se me preme a servirla. Oe, Toni. Va subito a casa da mi, dighe a quei tre omeni, che i lassa star tutto, e che i vegna qua. (da sé) (No so cossa dir; ghe son, bisogna che ghe staga. Se nol me pagherà, troverò la maniera de farme pagar.)

Anzoletto: Lucietta.

Lucietta: Lustrissimo.

Anzoletto: Andè in cusina, andè a dar una man al cuogo, se el gh'ha bisogno de gnente.

Lucietta: Disnelo a casa ancuo, lustrissimo?

Anzoletto: Sì, disno a casa cola novizza, e con tre o quattro amici.

Lucietta: (da sé) (Via, che la vaga.)

Anzoletto: a mia sorella, che la se metta qualcossa intorno, che vien so cugnada e dell'altra zente.

Lucietta: Mi no so, se la gh'abbia de qua tutta la so roba.

Anzoletto: Se no la la gh'ha, adess'adesso anderò de a far portar el resto della masseria.

Lucietta: Anca la biancheria da tola in casa vecchia.

Anzoletto: Farò portar tutto.

Lucietta: Per quanti avemio da parecchiar?

Anzoletto: Parecchiè per diese.

Lucietta: La sarà servida. (da sé) (Oh za el proverbio no fala; el pan dei mati el primo magnà.) (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License