Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Settima. Fabrizio e Anzoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Fabrizio e Anzoletto

 

Fabrizio: È un bel talento vostra sorella.

Anzoletto: Cossa diseu? Xèla un capeto d'opera?

Fabrizio: Se la cognata ha giudizio, può essere che si moderi, e che prenda esempio da lei.

Anzoletto: Amigo, per dirvela in confidenza, ho paura che mia muggier voggia esser pezo de mia sorela.

Fabrizio: Buono! Perchè dunque l'avete presa?

Anzoletto: No so gnanca mi. Per un impegno.

Fabrizio: State fresco con due donne in casa di questa taglia. Liberatevi almeno della sorella.

Anzoletto: Se savesse come far.

Fabrizio: Quanto le volete dar di dote?

Anzoletto: Adesso no ghe posso dar gnente.

Fabrizio: E se questo suo zio vi volesse aiutare?

Anzoletto: No me parlè de mio barba. El m'ha dito roba, el m'ha strapazzà, e se credesse de aver bisogno de un pan, a lu no ghe lo vorìa domandar.

Fabrizio: A un uomo vecchio, del sangue, che parlerà per bene, convien donar qualche cosa, e non è prudenza il piccarsi contro il proprio interesse.

Anzoletto: Se mia muggier savesse, che me umiliasse a mio barba, poveretto mi. La stada offesa anca ela e se voggio la pase in casa, bisogna che me contegna cusì.

Fabrizio: Non so che dire. Siete uomo, regolatevi come vi pare. (È un bel pazzo a disgustare uno zio ricco, per una moglie bisbetica.)

Anzoletto: Caro amigo, fème un servizio. Fin tanto che vago in casa de a far portar el resto de la mia roba, tendè a sti omeni, che i se destriga a giustar ste do camere avanti sera.

Fabrizio: Vi servirà volentieri.

Anzoletto: Za co vien la mia novizza, e che no la vede le cosse fenìe, m'aspetto che la ghe diga ben mio.

Fabrizio: Per quel ch'io sento, in quindici giorni che è vostra moglie, vi siete lasciato prender la mano.

Anzoletto: Veramente no se pol dir, che la me abbia tolto la man, e mi no so un alocco per lassarmela tòr; anzi, andemo d'accordo, e semo tutti do de un umor, ma semo tutti do puntigliosi. Una volta, co gerimo da maridar, e che fevimo l'amor, per una parola, semo stai do mesi senza parlarse. Nissun voleva esser el primo, e finalmente m'ha toccà a mi. Per questo, per no vegnir a sti termini, procuro de schivar le occasion, cerco de contentarla, e fazzo quel che posso, e anca qualche volta più de quel che posso. Basta, la sarà co la sarà. (Me confido in do cosse, o che mora mio barba, o che me tocca un terno.) (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License