Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Nona. Sgualdo, poi uomini , poi Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Sgualdo, poi uomini , poi Lucietta

 

Sgualdo: Sior sì, a ora de disnar, l'ora, che sta sorte de amici no manca. El podeva anca far de manco de farme far sta fattura. Pazienza! Bisogna starghe. Anemo, putti, vegnì de qua, principiemo a desfar sta camera. (vengono gli uomini e vogliono sfornire)

Lucietta: Coss'è? Tornemo da capo?

Sgualdo: Vegniu anca vu a metterghe la vostra pezzetta?

Lucietta: (battendosi la bocca) Uh... squasi, squasi v'ho dito la rima che ghe va drio.

Sgualdo: Una bela bota no se perde mai.

Lucietta: Oh, disè sul sodo, anca sì, che el paron mette qua a dormir la sorela?

Sgualdo: Oh giusto! El ghe vol dormir elo.

Lucietta: Cossa ste muanze?

Sgualdo: Causa quel sior Fabrizio, che gh'ha fatto vegnir i scrupoli de la tramontana.

Lucietta: Poverazzo! Oh m' ha parso che i batta. Malignazzo sta porta, no la cognosso ben gnancora. Oh siestu benedetta la casa dove che gierai almanco, co andava a veder chi è, me consolava l'occhio un tantin. (parte, poi torna)

Sgualdo: Za, questi tutti i pensieri, che gh'ha le serve. Per tutto dove che vago, sento che i se lamenta; se le vecchie, no le bone da gnente; se le zovene, le fa l'amor. E no occorre, che i diga: tolemola de mezza età; le fa da zovene fina mai che le pòl; e poi le zoso, e le deventa vecchie tutto in t'una volta.

Lucietta: Oe, saveu, chi ?

Sgualdo: Chi ?

Lucietta: La novizza.

Sgualdo: Eh via! gh'ho ben caro de vederla.

Lucietta: In t'un boccon de aria, che gnente che rido.

Sgualdo: Xèla sola?

Lucietta: Oh sola! Figurève. La lo gh'ha el cavalier serpente.

Sgualdo: Cussì presto?

Lucietta: Oh no se perde tempo.

Sgualdo: Se no ghel paron, la riceverà la putta.

Lucietta: Figurève; ghe l’ho ditto, e la s'ha serrà in camera.

Sgualdo: La riceverè vu donca.

Lucietta: Mi no, vedè. Se no so come che sbazzega, mi no ghe n'intrigo.

Sgualdo: No gh'avè più parlà?

Lucietta: Mi no.

Sgualdo: La novizza del vostro paron, e no gh'avè mai parlà?

Lucietta: quindese zorni, che el l'ha sposada. Fin adesso el stà in casa della muggier. La vegnua una volta in casa de , ma mi no m'ho lassà veder.

Sgualdo: Zitto. Vela qua, che la vien.

Lucietta: Ghe anderò un pochetto incontra, cussì per cerimonia. (s'avvia verso la porta)

Sgualdo: Via, putti, destrigheve.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License