Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Undicesima. Cecilia ed il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Cecilia ed il Conte

 

Cecilia: In fatti, el m'ha burlà sior Anzoletto. Se saveva che gh'aveva da esser in casa sta so sorela, da quela che son, che non lo toleva.

Conte: Non sapevate che aveva una sorella?

Cecilia: Lo saveva; ma el m'ha da intender che l'andava a star con so barba.

Conte: Può essere, ch'ella ci vada.

Cecilia: Ho paura de no, perchè so, che con so barba i desgustai.

Conte: Fa male il signor Angioletto a non essere amico di suo zio, che è un uomo ricco; e lo conosco, so ch'è un uomo di garbo.

Cecilia: Un omo de garbo ghe disè? Un omo de garbo? El un tangaro, un vilanazzo senza creanza. So, che l'ha parlà de mi con poco respetto. L'ha abù da dir, che so nevodo ha fatto mal a sposarme, e l'ha fatto de tuto perchè nol me toga. Sto aseno d'oro el pien de bezzi, e nol se contenta. El se lamenta, che a so nevodo gh'ho poca dota. Che meriti gh'halo per pretender una gran dota? No s'arecorda co l'andava co la falda davanti? Finalmente son una persona civil, e in casa mia, se vive d'intrada, e son stada arlevada come una zentildonna e nol degno d'aver per nezza una dona de la mia sorte; e me maraveggio, che vu disè che el xe un omo de garbo.

Conte: Signora mia, io non sapeva tutte queste ragioni. Ritratto la mia parola, e dico, ch'è uno zotico, intrattabile e intrattabilissimo.

Cecilia: Un tangaro un contadin.

Conte: E tutto quel peggio, che dir si possa.

Cecilia: Ve par che una dona de la mia sorte abbia da esser desprezzada cussì?

Conte: Per bacco! Voi meritate di essere una regina. Ah volesse il cielo che vi avessi conosciuta prima che foste impegnata col signor Angioletto.

Cecilia: Ma! el mio destin ha volesto cussì.

Conte: Vi potete voi dolere del signor Angioletto?

Cecilia: No, de mio mario no me posso doler. Se disesse diversamente, sarave una dona ingrata. Gh'ho volesto ben, e ghe voggio ben, e sempre ghe ne vorò; ma de so barba no ghe ne voi sentir a parlar.

Conte: Ma suo zio gli potrebbe fare dei benefizi.

Cecilia: Che el se li peta. Nu no gh'avemo bisogno de elo. Mio mario gh'ha el modo de mantegnirme. Me basta che el me destriga de casa sta so sorela, e po son contenta.

Conte: (Ed io so che il povero galantuomo sta male assai di quattrini.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License