Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Dodicesima. Lucietta, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Lucietta, e detti

 

Lucietta: Lustrissima, m'ha ditto la putta, che ghe fazza tanta reverenza che adessadesso la sarà qua ela a far el so debiti che no la staga a incomodarse a andar de , perchè la so camera no la camera da recever.

Cecilia: Cussì la v'ha ditto?

Lucietta: Cussì la m'ha ditto, e cussì ghe digo.

Cecilia: ben brava de portar le imbassiate. Intendela, sior Conte, sto discorso?

Conte: Per dirvi la verità, non capisco niente.

Cecilia: La vol dir sta signora, che la so camera no bela come la mia, e che no la se degna de recever in t’una camera, che no da par suo. Ala capio, sior Conte?

Conte: Ho capito benissimo.

Cecilia: Ghe disela superbia a questa?

Conte: Certo non si può negare, che non vi sia della pretensione.

Lucietta: (O voggio dirghelo al patron che el se varda de sto sior Conte. El un adulator spaccato.)

Cecilia: Coss'è sto strepito qua dessora?

Lucietta: No so lustrissima. La sa, ghe un'altra fittanza.

Cecilia: Mi no vòi sentir strepito. No voggio, che i me fazza balar la camera sora la testa. Chi èle ste carogne, che stà de sora de nu?

Lucietta: Oh lustrissima, cossa disela? Ghe sta delle persone civil, sàla, ghe sta delle lustrissime; anzi stamattina lustrissima siora Checca m'ha domandà, quando vien la novizza. No so, digo; pòl esser che la vegna ancuo; co la vien, la dise, aviseme, che voggio vegnir a far el mio debito.

Cecilia: Xèla stada da mia cugnada?

Lucietta: Lustrissima no. Eh la una, che sa el trattar. Caspita! la vedrà. Eh no la sarave vegnua da la putta, avanti de vegnir da la maridada.

Cecilia: Co la vedè, diseghe, che se la vòl favorir la patrona. Dighio ben, sior Conte?

Conte: Benissimo.

Lucietta: No la vol, che diga... che se no la se vol incomodar...

Cecilia: Diseghe quel che v'ho dito. No gh'ho bisogno de dottorezzi. Cossa disela, sior Conte, de ste massère, che vol intrar dove no ghe tocca?

Lucietta: Massère?

Cecilia: Ho falà, ste cameriere.

Conte: Proviene ciò, perchè sono male educate.

Lucietta: (al Conte con dispetto) a scuola da elo.

Cecilia: (s'alza) Senti , te cazzerò via in sto momento.

Lucietta: E mi gh'anderò, lustrissima.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License