Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Tredicesima. Meneghina, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Meneghina, e detti

 

Meneghina: Dove andereu, Lucietta?

Lucietta: La me vòl mandar via, e mi digo, che ghe anderò.

Meneghina: Cusì presto, siora cugnada, la vien a far dei sussurri in casa?

Cecilia: Xèlo questo el complimento, che me vien a far siora Meneghina?

Conte: (Cospetto! è una bella ragazza!)

Meneghina: Cossa gh'hala fatto sta putta?

Cecilia: L'ha perso el respetto a sto cavalier.

Conte: Per me, signora, non vi mettete in pena. Non abbado a queste picciole cose. Per amor del cielo, non vorrei, che per causa mia v'inquietaste. (a Cecilia) Sono servitor vostro. (a Meneghina) Sono umilissimo servitore della signorina. Lucietta è una buona ragazza. (Io vorrei esser amico di tutte.)

Meneghina: M'imagino, che ela gh'averà la so cameriera, o che mio fradelo ghe la provvederà. Questa più de un ano che la con mi, e la me comoda assae; e se la se contenta, no vorave privarmene per adesso.

Cecilia: La se tegna pur quella cara zoggia. Basta, che no la me vegna in ti piè.

Lucietta: No la se indubita, che no ghe vegnirò...

Meneghina: Animo, andè de .

Lucietta: (Chi diavolo vegnù in casa? Un basilisco?) (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License