Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO PRIMO

Scena Quindicesima. Anzoletto, Meneghina, Cecilia, e il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Anzoletto, Meneghina, Cecilia, e il Conte

 

Anzoletto: (Oh poveretto mi!)

Meneghina: Vegnì qua mo, sior fradelo.

Cecilia: Sentì mo, sior mario.

Anzoletto: Sior Conte, cara ela, una parola.

Conte: (s'accosta) Sono a servirvi.

Meneghina: Vorave, che me disessi...

Anzoletto: Tasè adesso; lassème star.

Cecilia: Respondème a mi.

Anzoletto: Cara muggier, abbiè pazienza. Adessadesso sarò con vu.

Conte: (piano ad Anzoletto) Che cosa c'è, che vi vedo così agitato? È forse per qualche parola, che abbiate sentito fra le due cognate?

Anzoletto: (Oh altro che parole; ghe dei fatti, e fatti per mi dolorosi. Caro sior Conte, ghe lo confido con segretezza, che no lo sappia né mia sorela, mia muggier, e, se la pol, la me assista, la me soccorra.)

Conte: (Dite pure: della segretezza siete sicuro. Del resto, vi servirò dove posso.)

Anzoletto: (La sappia, che son anda. a la casa de , per far portar via la roba, per tôr el resto de la massaria; e el paron de la casa, per un anno de fitto che ghe son debitor, el me l'ha fatta bolar, e son desperà.)

Conte: (Male.)

Anzoletto: (El so anca mi, el mal. Bisogna remediarghe. Bisogna, che la me fazza ela la grazia de farme sigurtà.)

Conte: (Penseremo, vedremo...)

Anzoletto: (No ghtempo da perder. Tra le altre cosse ghe tutta la biancheria da tola; e ancuo ho da dar da disnar, e no so come far.)

Conte: (Basta. Vedremo, penseremo.) Signore mie, vi sono umilissimo servitore.

Cecilia: Vala via, sior Conte?

Conte: Vado per un interesse.

Cecilia: La vegnirà a disnar con mi?

Conte: Può essere.

Anzoletto: (Sior Conte, me lo fala sto servizio?)

Conte: (Penseremo, vedremo.) Servitore umilissimo. (parte)

Anzoletto: (Alle curte, no vòl far gnente. Bisognerà che m'inzegna da qualche altra banda.) (in atto di partire)

Meneghina: Dove andeu?

Anzoletto: Dove che voggio.

Cecilia: Sior Anzoletto...

Anzoletto: Cara vecchia, compatime... Se vedremo adessadesso, se vedremo. (parte)

Cecilia: Vedela, patrona? Per causa soa mio mario scomenza a farme de le malegrazie.

Meneghina: La malagrazia el me l'ha fatta a mi, e no a ela. L'averà sentìo qualcossa, e sior Conte l'averà informà in favor de la sposa.

Cecilia: Oh anzi Conte se vede che el gh'ha tutte le parzialità per la putta.

Meneghina: Mi no ghe penso gnente de nissun.

Cecilia: E a mi no m'importa d'altri, che de mio mario.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License