Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Terza. Lucietta, e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Lucietta, e dette

 

Lucietta: Strissime.

Checca: Bella putta! coss'è, fia? Ve manda le vostre patrone?

Lucietta: Me manda la putta, lustrissima.

Rosina: Siora Meneghina?

Lucietta: Lustrissima sì. No so, se la sappia che mi no servo la novizza, servo la putta. un pezzo, che stago con ela, e gh'ho ciapà amor, e pol esser che ghe staga; ma se avesse da servir quell'altra, ghe zuro da povera fiola, no ghe starave un'ora.

Checca: Contème. Cossa xèla sta novizza?

Lucietta: No so cossa dir. Mi, lustrissima, no son de quelle che parla. Co no posso dir ben, no digo gnanca mal; e po malistente l'ho vista; ma da quel poco che ho visto, che ho sentìo, no credo, che sotto la capa del cielo se possa trovar de pezo.

Rosina: (Se po la fusse de quelle che dise!)

Checca: Cossa xèla? Superba, rustega; cossa xèla?

Lucietta: Co la servitù, co so cugnada la rustega. Ma no la miga rustega con tutti ... Bisogna che le sappia che un certo sior Conte ...

Checca: Via, via, no dixè altro. (le fa cenno che taccia per sua sorella)

Lucietta: Ho capio.

Checca: Disème, cara vu; per cossa n'hale fatto quel bel complimento?

Lucietta: La paroncina no ghe n'ha colpa, stada causa quell'altra.

Rosina: No la ne vòl la novizza?

Lucietta: Ghe dirà... cosse in verità da crepar da rider. Co la credeva, che la visita fosse soa, l'ha ditto de sì; co l'ha sentìo, che la giera de tutte do, la andada in collera, e no l'ha volesto.

Rosina: Oh co bela!

Checca: Oh che scamoffe!

Lucietta: E la padroncina anca ela s'ha pontiglià.

Checca: Oh care!

Rosina: Oh vita mia, co te godo!

Lucietta: M'ha mandà mo, vedele, la paroncina a farghe tanto reverenza, a domandarghe compatimento, e a dirghe, se la se contenta, che la vegnirà ela a far el so debito.

Checca: Oh non occorre che la s'incomoda...

Rosina: (piano a Checca) (Sì, sì, lassè che la vegna.)

Lucietta: In verità, lustrissima, gh'ha tanto despiasso...

Checca: Basta, se la lo fa per cerimonia, diseghe che no gh'è sto bisogno, che nu no vardemo ste cosse. Se po la vol vegnir per favorirne, diseghe che la patrona, co la comanda.

Lucietta: Grazie, lustrissima. In verità le vedarà una putta che, no fazzo per dir, ma la gh'ha del merito.

Checca: Se vede, che anca vu una zovene de bon cuor, che volè ben a la vostra patrona.

Lucietta: Oh mi sì la veda, ghe voggio ben come se la fusse una mia sorela.

Rosina: anca assae trovar una serva, che diga ben de la so patrona. Tutte, o poco o assae, le gh'ha sempre qualcossa da tarizar.

Lucietta: Oh mi no ghpericolo. Da la mia bocca no la sentirà mai altro.

Checca: Brava dasseno.

Rosina: Quanti anni gh'ala la vostra patrona?

Lucietta: Oh la zovene, lustrissima; no credo, che la ghe n'abbia disisette.

Rosina: Che voggiè mo anca calarghe i ani, un poco troppo.

Lucietta: Credela, che la ghe n'abbia de più?

Checca: No se vede, che la ghe n'ha più che vinti?

Lucietta: Mi no so, mi stago a quel che la dise ela; se la se ne sconde, mi no so cossa dir.

Rosina: Fala l'amor?

Lucietta: Un pochetto.

Checca: Lo cognosseu mio zerman?

Lucietta: Chi xèlo, lustrissima?

Checca: Sior Lorenzin Bigoletti.

Lucietta: Caspita se lo cognosso.

Rosina: No voleu che l'al cognossa?

Lucietta: Oh bon!

Checca: Gh'averà despiasso a vegnir via de quela casa?

Lucietta: Me par de sì, che gh'ha despiasso.

Checca: Ghe parlavela spesso?

Lucietta: De diana, tutta la notte.

Rosina: La giera po anca una vergogna.

Lucietta: N'è vero, lustrissima? In verità che gnanca mi sti stomeghezzi no i podeva soffrir.

Checca: Adesso mo come sarala?

Lucietta: El so zerman lustrissimo sior Lorenzin?

Checca: Siguro. El fio de una nostra amia.

Lucietta: Cara lustrissima benedeta, no ghe sarìa altri che ela, che podesse consolar sta povera putta.

Checca: Me maraveggio gnanca, che abbiè ardir de dirme sto tanto. Ve par a vu, che una donna de la mia sorte s'abbia da intrigar in sta sorta de pettegolezzi? Che fondamento gh'ala de maridarse?

Lucietta: La dise ben, lustrissima, in verità da seno la dise ben. Fondamento no credo che ghe ne sia. Dota, poverazza, no la ghe n'ha. La zovene, ma no po tanto quanto che i dise. Nobiltà, no ghe ne da trar via; so pare giera salumier, so barba vendeva el butiro. I ghe dei lustrissimi, perchè i vive d'intrada, ma dise el proverbio: vita d'intrada, vita stentada. Strissime, le compatissa, se le ho stordìe colle mie chiacole. Ghe dirò alla parona, che la vegna a trovarle. Serva, lustrissime. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License