Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Quinta. Lorenzino, e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Lorenzino, e dette

 

Lorenzino: (di dentro) O de casa?

Rosina: Oh vèlo qua, per diana.

Checca: Vegnì, vegnì. Semo qua, Lorenzin.

Lorenzino: Siore zermane, lustrissime.

Rosina: Oh lustrissimo.

Checca: Feu cerimonie, fio?

Lorenzino: Fazzo el mio debito.

Rosina: Aveu dormìo ben sta notte?

Lorenzino: Poco.

Rosina: Dormirè meggio doman, che no gh'averè disturbo.

Lorenzino: Eh sia maledetta sta casa.

Checca: Per cossa malediu sta casa?

Lorenzino: Maledisso quella de sotto.

Rosina: E sì mo ghe le vostre viscere.

Lorenzino: Dove diavolo gh'hala i balconi? tre ore che ziro co fa un matto; son debotto inrocchìo dal tosser e dal spuar, e no gh'è sta caso che la possa veder.

Checca: So anca mi, che no la vederè. La so camera la sora una corte, che no passa nissun.

Lorenzino: E no le vòl che maledissa sta casa, e che diga roba de quel strambo de so fradelo, che ha cressù sessanta ducati de fito per cazzar in t'un gattolo so sorela? Ma za, che fin faralo in sta casa? Con cossa lo pagheralo el fito? Co la dota de la muggier?

Checca: Credeu, che el sia in sto stato el sior Anzoletto?

Lorenzino: Mi no so niente. So, che do mesi che l'ha tolto sta casa, e no l'ha gnancora pagà el fitto dei primi siè mesi.

Rosina: E vu se cusì bon de impazzarve con so sorela?

Lorenzino: La me dise, che la gh'ha un barba, che ghe darà la dota.

Checca: Lo so anca mi, che la gh'ha sto barba, e che el ricco; ma i dise, che el sia in collera con so nevodo.

Lorenzino: Nol sarà miga in collera colla nezza.

Checca: Caro zerman, avanti de intrigarve, pensèghe ben. Gnanca vu no gh'havè gnente da buttar via.

Lorenzino: Se trovasse do o tre mille ducati de dota, me comprerave una carica, e con quel pochetto che gh'ho la poderave sticcar.

Rosina: Basta, che no mette la novizza in quell'aria, che l'ha messa sior Anzoletto.

Lorenzino: Come xèla?

Rosina: Se vedessi!

Checca: Un cerchio, fio caro, che chiappa da qua a colà.

Rosina: Un abito superbonazzo.

Checca: (a Rosina) El m'ha parso de drappo d'oro.

Rosina: Siora sì, oro e sguazzo, e che peroli!

Checca: La testa, po, no ve digo gnente, conzada all'ultimo biondo.

Rosina: Oe coi diamanti.

Checca: Da Muran, saveu.

Rosina: Mi no so gnente. Vedo, che i luse.

Checca: O per luser, lusa anca i occhi del gatto.

Lorenzino: E la putta, l'hale vista?

Checca: Oh l'avemo vista.

Lorenzino: Cossa ghe par?

Checca: Eh, cussì e cussì.

Rosina: No ghe ste belezze.

Checca: La granda.

Rosina: Ma no la gnente ben fatta.

Checca: Qua, qua; no la troppo ben fatta.

Lorenzino: Oh no le l'ha vista ben donca.

Rosina: No semo miga orbe.

Lorenzino: Dove l'hale vista?

Rosina: Al balcon.

Lorenzino: Se vedela pulito al balcon?

Checca: El nostro tinelo el varda giusto sora la corte in fazza a i balconi de la so camera.

Lorenzino: Cara siora zermana, la me lassa andar in tinelo.

Checca: Oh no principiemo a far scene.

Lorenzino: Come, siora Checca! la m'ha pur promesso de parlarghe a siora Meneghina, la s'ha pur impegnà de interessarse per mi; e adesso la gh'ha difficoltà de lassarme andar al balcon?

Checca: Mo vedeu, caro fio, compatime; intendè le cosse a strapè, altro che mi ghe parla, e altro che ve andè a far veder su i mi balconi a far el licardin.

Lorenzino: No me lasserò veder da nissun. Ghe prometto che non me lasserò veder da nissun.

Checca: Se andè sul balcon, bisogna che i ve veda per forza.

Lorenzino: Starà dentro, no i me vederà.

Checca: Ve vederà queli, che sta in fazza.

Lorenzino: Sererò i scuri in sfesa.

Rosina: Via, cara sorela, poverazzo, lassè che el vaga.

Lorenzino: Cara ela, un pochettin.

Checca: Oh putto caro, ti ghe ben dentro fina in ti occhi. Andè , andè , ma abbiè giudizio, no ve smatar.

Lorenzino: Benedetta siora zermana. (parte salutando)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License