Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Sesta. Checca e Rosina, poi il Servitore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Checca e Rosina, poi il Servitore

 

Rosina: Disè, siora Checca; me lasseu andar anca mi un pochetin?

Checca: A cossa far?

Rosina: A spionar.

Checca: Certo; una bella cossa! pareressi bona veramente!

Rosina: Via, se no volè che vaga, lasserò star. Gh'aveva voggia de sentir, se siora Meneghina parla pulito.

Checca: No la sentireu co la vegnirà da nu?

Rosina: Oh, vatela a cercà co la vegnirà.

Checca: Vardè mo, che ghe zente in portego.

Rosina: Me par anca mi de sentir. (si accosta alla porta) Oe saveu chi credo che sia? Per diana de dia, che credo, che sia siora Meneghina.

Checca: Eh via.

Rosina: Ho visto zente su la scala, che parla col servitor, no ho volesto farme vedere per no parer...

Checca: Avè fatto ben.

Rosina: Velo qua Toni. Sentiremo.

Servitore: Lustrissima, sta signora che vegnua a star da novo qua de sotto, la vorave reverir.

Checca: Xela la putta, o la maridada?

Servitore: Mi no so, lustrissima, mi no le cognosso.

Rosina: Gh'hala i cerchi?

Servitore: Lustrissima no.

Rosina: La sarà la putta.

Checca: Diseghe che la resta servida.

Servitore: Lustrissima sì.

Rosina: Lorenzin la poderà ben aspettar al balcon.

Checca: Zitto, no ghe disemo gnente. El tinelo lontan, no la sentirà. Femoghe una burla, no ghe disemo gnente.

Rosina: E se el vien qua?

Checca: Che el vegna. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License