Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Settima. Meneghina, e dette, poi il Servitore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Meneghina, e dette, poi il Servitore

 

Meneghina: Strissime.

Checca: Strissima.

Rosina: Strissima.

Meneghina: La compatissa de la libertà che m'ho tolto.

Checca: Anzi la ne fa una finezza.

Rosina: Gh'avevimo tanta voggia de la so amicizia.

Meneghina: Semo tanto taccae, che, se la permette, vegnirà qualche volta a darghe incomodo.

Checca: Oh cossa disela! la sempre patrona.

Rosina: Anca nu vegniremo da ela.

Meneghina: Oh care zentildonne, da mi, se le savesse!... Basta, col tempo ghe conterà.

Checca: Vorla comodarse?

Meneghina: Quel che la comanda.

Checca: Oe, tirè avanti de le careghe.

Servitore: (porta le sedie)

Rosina: Xèla contenta de la casa nova?

Meneghina: Poco dasseno.

Checca: No la ghe piase?

Meneghina: La casa, se volemo, no cattiva. Ma ghe de le cosse, che me desgusta.

Rosina: Per esempio, la desgustarà i balconi de la so camera.

Meneghina: No vorla? Vedela che vista che gh'ho? Una corte sporca, che fa stomego.

Checca: E pur, qualchevolta se poderìa dar, che quella vista no ghe dispiasesse.

Meneghina: Oh impossibile, cara ela.

Rosina: Come adesso, vedela, se la ghe fusse, pòl esser che la ghe piasesse.

Meneghina: La vorrà dir, perchè sul mezzo zorno ghe el sol; ma mi no l'ho gnancora visto.

Checca: Adesso, vedela, el sol batte giusto in fazza de i so balconi.

Meneghina: Oh, el riflesso no lo posso soffrir.

Rosina: Qualche volta ghe dei riflessi che piase.

Meneghina: Oh cara ela, la gh'ha bon tempo ela.

Checca: In te l'altra casa, gh'avevela nissun riflesso, che ghe dasse in tel genio?

Meneghina: La me fa ridere, siben che no ghe n'ho voggia.

Rosina: La diga, siora Meneghina, gh'hala dito gnente Lucietta?

Meneghina: Su che proposito?

Rosina: D'un certo nostro zerman.

Meneghina: Gnente dasseno.

Checca: Lo cognossela nostro zerman?

Meneghina: Mi no, chi xèlo?

Checca: Un certo Lorenzin.

Meneghina: Bigoletti?

Checca: Bigoletti.

Meneghina: Oh cossa che la me conta! So zerman el ?

Rosina: El nostro zerman.

Meneghina: Sàle gnente?

Checca: Savemo tutto.

Meneghina: (sospira) Ma!

Rosina: Gran brutta casa questa qua de sotto!

Meneghina: Malignazza!

Checca: Gran brutti balconi!

Meneghina: La la corte dell'orco.

Rosina: Qua no se vede mai

Checca: Oh de el se vedeva anca a mezza notte.

Meneghina: La senta, adesso scomenzo a aver un poco de speranza de vederlo qualche volta anca qua.

Checca: Dasseno?

Meneghina: Chi mai m'avesse ditto, che aveva d'aver la fortuna de cognosser do signore cussì compite?

Rosina: Zermane de sior Lorenzin.

Meneghina: Mo in verità la una cossa granda.

Checca: Saravela una bella cossa, che adesso el ne vegnisse a trovar?

Meneghina: Magari.

Rosina: Mi ho in testa, che el sia poco lontan.

Meneghina: Credemio?

Checca: El cuor no ghe dise gnente?

Meneghina: El cuor me dise, che se el vegnissel la vederia volentiera.

Rosina: E pur se la fusse a casa, adesso la lo vederìa.

Meneghina: Dove?

Rosina: Ai balconi della so camera.

Meneghina: Se in quella corte no ghe passa nissun. La inchiavada, e no gh'è altro che magazzeni.

Checca: Credo, che el voggia tòr un magazzen a fitto.

Meneghina: La me burla, che la gh'ha rason.

Rosina: Lo vederavela volentiera?

Meneghina: De diana! me casca el cuor.

Checca: Siora Rosina, vardè de , se ghe fusse nissun che l'andasse a chiamar.

Meneghina: Oh magari!

Rosina: Vederemo, se a caso mai i lo trovasse. (si alza per andare)

Servitore: Lustrissima, ha mandà quell'altra signora qua da basso, la novizza, a dir, che se le ghe permette, la vòl vegnir anca ela a far el so debito.

Checca: Patrona, che la resta servida. (il servitore parte)

Meneghina: Sia malignazzo!

Rosina: Ghe despiase, che vegna so siora cugnada?

Meneghina: Se la savesse! el nostro sangue proprio nol se confà. Che scometto la testa, che la vien a posta per farme rabbia.

Checca: Mo per cossa?

Meneghina: Adesso no ghe posso dir tutto, ma ghe conterà. (a Rosina) Cara ela, no la se desmentega de mandar a veder de sto sior Lorenzin.

Rosina: Ma adesso vien so siora cugnada.

Meneghina: Se savessi come far a schivarla. La me fazza una finezza?

Checca: La comandi.

Meneghina: Fin che sta qua mia cugnada, la lassa, che vaga de .

Checca: Dove vorìa andar?

Meneghina: In qualche altro logo.

Checca: Le camere le gh'avemo qua tutte in fila.

Meneghina: Anderò in tinelo.

Checca: Dasseno?

Rosina: Poveretta! in tinelo?

Meneghina: Staroggio mal in tinelo?

Rosina: Anzi la starave benissimo.

Meneghina: La me lassa andar donca.

Checca: No, no, la me compatissa. No vòi che femo scondagne; l'abbia pazienza per sta volta.

Meneghina: (a Rosina) No la manda a veder de sior Lorenzin?

Rosina: Manderò adessadesso.

Checca: Eh aspettè, che manderò mi. Oe, chi è de ?

Servitore: Strissima!

Checca: Vienla sta signora?

Servitore: La vien adesso.

Checca: Senti. (piano al servitore) (Andè de in tinelo, diseghe a sior Lorenzin, che el vaga via subito; se nol sa, che ghe sia siora Meneghina, no ghe disè gnente; e se el lo sa, diseghe, che el vaga via, che adessadesso vien so cugnada, e no vorave, che l' al cognossesse, e che nassesse qualche desordine. Aveu inteso? pulito.)

Servitore: La lassa far a mi. (parte)

Meneghina: L'ela mandà a chiamar?

Checca:. Siora sì.

Meneghina: E se ghe mia cugnada?

Checca: Fin che ghe sarà so cugnada nol vegnirà.

Rosina: (Eh mia sorella gh'ha giudizio; la l'averà mandà via.)

Checca: (a Meneghina) Sàla gnente so siora cugnada de sto negozio de Lorenzin?

Meneghina: Mi no credo. Co mio fradelo no ghe l'ha ditto.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License