Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Decima. Checca, Meneghina, Rosina, poi Lorenzino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Checca, Meneghina, Rosina, poi Lorenzino

 

Meneghina: Hale sentìo che raccola?

Rosina: Mo la ben palicaria.

Checca:. Mi no so come che m'abbia tegnù. Se no la giera in casa mia no la passava cussì.

Lorenzino: Siora zermana, ho tasesto e ho sofferto per causa soa; ma cospetto de diana, no vòi, che nissun me strapazza...

Rosina: Aveu sentìo?

Lorenzino: No sonmiga sordo.

Meneghina: Mi no ne ho colpa, fio mio.

Checca: Orsù, siora Meneghina, la favorissa de andar a casa soa, che in casa mia de ste scene ghe ne mai stà, e no ghe ne voggio.

Lorenzino: Ela no ghe n'ha colpa.

Checca: E vu, sior, andè via de qua.

Lorenzino: E mi anderò giusto adesso a trovar sior Anzoletto; e cospetto e tacca via, ghe metterò le man attorno, e se mazzeremo.

Meneghina: (gridando) Oh poveretta mi!

Rosina: Seu matto?

Checca: Via sior strambazzo!

Lorenzino: (passeggiando con isdegno) A mi sporco? A mi spuzzetta? A mi spiantà, miserabile, incivil? Sporca ela, spuzzetta ela. Miserabile so marìo, vilanazzo, salumier, el gh'ha ancora le man de butiro.

Meneghina: Oh un poco de acqua per carità.

Rosina: Adesso, adesso, fia, che la vago a tôr. (La me fa da pianzer anca mi.) (asciuga gli occhi e parte)

Lorenzino: (in atto di partire) Sì, vòi andar sul balcon, e se la vedo, ghe ne vòi dir tante...

Meneghina: Fermeve.

Checca: Vegni qua.

Meneghina: Sentì.

Checca: Ascoltème mi.

Lorenzino: Cara siora zermana, la me lassa star. La vede in che stato che son, e la me vòl metter al ponto de precipitar.

Meneghina: Mo no, cara siora Checca. La gh'abbia un pochetto de compassion.

Checca: Ma mi, cossa voleu, che fazza? Voleu, che me soggetta a recever delle malegrazie? E che co vien mio marìo el trova una lite impizzada?

Meneghina: Ela una signora de proposito. La gh'ha giudizio, la gh'ha bon cuor. La veda de trovar qualche mezo.

Rosina: (coll'acqua) Son qua se la vòl l'acqua.

Meneghina: Grazie.

Checca: Sto putto senza dote ve porlo tôr?

Rosina: Vorla l'acqua?

Meneghina: (a Rosina) Adesso. Se podesse parlar a mio barba, ho speranza, che nol me disesse de no.

Lorenzino: (a Meneghina) no l'andeu a trovar?

Rosina: Vorla l'acqua?

Meneghina: (a Rosina) Adesso. No ghe posso andar per paura de mio fradelo.

Checca: La diga, cara siora Meneghina; sior Cristofolo mi lo cognosso. Vorla che mi lo manda a chiamar?

Meneghina: Oh magari!

Rosina: La vorla o no la vorla?

Meneghina: (con disprezzo) Eh! Oh la compatissa, no so dove che gh'abbia la testa. (prende il bicchiere in mano) Cara siora Checca, questa sarìa la meggio cossa che no la podesse far a sto mondo. (parlando versa l'acqua dal bicchiere) La lo manda a chiamar, la ghe parla, e po la me manda a chiamar anca mi...

Checca: Cara ela, no la me spanda l'acqua adosso.

Meneghina: (beve a sorsi e parla) Oh poveretta mi! No so quel che fazza.

Rosina: (De diana, la ben incocalìa!

Meneghina: La senta... el stà de casa... de dell'acqua... al Gaffaro... ai tre ponti... su la fondamenta delle Maraveggie.

Checca: So benissimo dove che el sta; el amigo de mio marìo, e lo manderò a chiamar.

Meneghina: La manda subito.

Checca: Manderò subito. Ma la me fazza sto servizio adesso: la vaga da basso.

Meneghina: Siora sì, subito, a bon riverirla. Siora Rosina, me raccomando anca a ela. Bondì, Lorenzin. La senta, la lo metta al ponto... La ghe diga, che son desperada... no la fazza falo de mandarme a chiamar. Strissime. Bondì, fio mio. (parte)

Rosina: Zerman, l'avè cusinada come va.

Lorenzino: Cara siora zermana

Checca: Doveressi far vu sto servizio d'andar a chiamar sior Cristofolo.

Lorenzino: Sangue de diana! a corando.

Checca: Saveu dove che el staga?

Lorenzino: E co polito che el so.

Checca: Andè donca.

Lorenzino: Subito.

Rosina: Oh che putti!

Checca: Oh che intrighi!

Rosina: Oh quanti mattezzi che se fa per amor! (parte)

Checca: Oh quanti desordini co no ghgiudizio!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License