Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Anzoletto, e Prosdocimo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Anzoletto, e Prosdocimo

 

Anzoletto: Se no i anderà via lori, bisognerà, che vaga via mi. Se almanco gh'avesse la mia roba, poderìa far un pegno.

Prosdocimo: Chi è qua?

Anzoletto: Coss'è, sior? Chi domandeu?

Prosdocimo: Domando el lustrissimo sior Anzoletto Semolini.

Anzoletto: Son mi; cossa voleu?

Prosdocimo: Fazzo umilissima riverenza a vussustrissimo per parte del lustrissimo sior conte Argagni mio patron, e el m'ha ditto de dir a vussustrissima, che do mesi che el gh'ha fittà sta casa, che l'ha mandà sie volte, e questa che fa sette, pel semestre anticipà, che gh'aveva da pagar vussustrissima, e lo prega de pagarlo subito, illico et immediate, aliter, che vussustrissima no se n'abbia per mal, se el farà quei passi che de giustizia, e che sarà noti benissimo anca a vussustrissima.

Anzoletto: Sior vussustrissima, m'avè una bella seccada.

Prosdocimo: Grazie alla bontà de vussustrissima.

Anzoletto: Diseghe al vostro patron, che doman el sarà servido.

Prosdocimo: Caro lustrissimo, la perdoni. Sto doman ai quanti vienlo del mese?

Anzoletto: No ghbisogno de cargadure. Vegnì doman, e ve pagherò.

Prosdocimo: Caro lustrissimo, la perdoni, s'arecordela quante volte che l'ha ma ditto doman?

Anzoletto: Ve dago parola che el sarà pagà.

Prosdocimo: Caro lustrissimo .....

Anzoletto: Caro lustrissimo, la vaga a farse ziradonar.

Prosdocimo: (partendo) Servitor umilissimo de vussustrissima.

Anzoletto: La reverisso.

Prosdocimo: (come sopra) Lustrissimo patron.

Anzoletto: Ghe fazzo reverenza.

Prosdocimo: Servitor umilissimo de vussustrissima. (parte)

Anzoletto: Co sto balin in testa, e sto boccon de seccada, el el più bel divertimento del mondo. Cossa de mia muggier e de mia sorela, che no le se vede? Eh le vegnirà, le vegnirà. Cussì no vegnissele!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License