Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Prima. Checca, poi Rosina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Checca, poi Rosina

 

Camera in casa della signora Checca.

 

Checca: Vardè, quando che i dise, che una faliva pol brusar una casa. Certo da una cossa da gnente se vede a partorir delle cosse grande. La curiosità de veder sta casa, de veder sta novizza ha fatto nasser sto boccon de sussurro. No me ne doverìa più intrigar; ma dall'altra banda me fa peccà mio zerman, me fa peccà quella povera putta...

Rosina: , sorela?

Checca: Cossa gh'è?

Rosina: Lucietta, la serva da basso, la m'ha fatto moto al balcon che la m'ha da parlar.

Checca: E cussì?

Rosina: E cussì gh'ho tirà, e gh'ho ditto, che la vegna.

Checca: Avè fatto mal. Con quela zente no se n'avemo più da impazzar.

Rosina: Avè pur ditto de mandar a chiamar siora Meneghina.

Checca: Se vegnirà so barba, per una volta lasserò che la vegna; ma mai più, vedè, mai più, no se n'impazzemo, mai più.

Rosina: A mi me la contè? Cossa m'importa a mi?

Checca: E co la serva no voggio altri domesteghezzi.

Rosina: No so cossa dir, per sta volta gh'ho averto. Un'altra volta no ghe averzirò. Voleu che la manda via?

Checca: No, no, sentimo cossa che la vòl.

Rosina: Ho sentìo dei strepiti, son curiosa de saver qualcossa.

Checca: Sorela cara, moderèla sta curiosità. Cossa v'ha da premer a saver i fatti de i altri? Se Lucietta vien qua per far i pettegolezzi, demoghele curte, e no la stemo gnanca a ascoltar.

Rosina: Ben, ben; mi fazzo tutto quello, che volè vu.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License