Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Seconda. Lucietta, e dette, poi Toni

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Lucietta, e dette, poi Toni

 

Lucietta: Lustrissime.

Checca: Siorìa..

Rosina: Siorìa, fia.

Lucietta: Son scampada de suso, che nissun sa gnente; gh'ho da contar; ghe dele cosse grande.

Rosina: Cara vu, conteme.

Checca: (a Rosina) Via, scomenzemio?

Rosina: (a Checca) Ih! Cossa hoggio ditto?

Lucietta: La gh'hala con mi, lustrissima? Cossa gh'hoggio fatto?

Checca: In casa mia no voggio pettegolezzi.

Lucietta: La compatissa, giera vegnua per contarghe... Se no la vòl, no so cossa dir, lustrissima... (in alto di partire)

Checca: Vegnì qua, cossa volevi contarme?

Rosina: (No lo soggio, che mia sorela più curiosa de mi?)

Lucietta: Voleva confidarghe de le novità; ma no vòi che la diga che vegno a far dei pettegolezzi.

Checca: Via, se gh'avè qualcosa da confidarme...

Lucietta: La sappia, che in casa de nu ghe delle cosse grande.

Checca: Che mo?

Lucietta: El patron in te l'ultima disperazion. Nol pòl far massaria. In casa de i gh'ha bolà la roba, qua no l'ha gnancora pagà el fitto. I omeni, che laora vòl bezzi. Mi no posso aver el mio salario da sette mesi, che el m'ha da dar. Cosse grande, lustrissima, cosse grande.

Checca: Mo le grande dasseno.

Rosina: Me strasecolar.

Checca: E cossa dise quella spuzzetta de so muggier?

Rosina: E cossa dise quella povera putta de so sorela?

Lucietta: La putta pianze, e la novizza in tutte le furie.

Checca: Contème; come halo fatto tutti sti debiti?

Lucietta: Colla boria, col malgoverno, per segondar quella cara zoggia de so muggier.

Checca: quindese zorni che el maridà...

Lucietta: Oh cara ela, cossa credela? do ani, che el ghe fa l'amor, e che el ghe pratica per casa, e che el spende, e che el spande, e che se precipita.

Rosina: Gh'hala gnente de dota?

Lucietta: Gnente a sto mondo.

Checca: Xèla mo quela gran signora, che i dise?

Lucietta: Oh giusto i m'ha contà a mi una dona che stada in casa soa quindesani, che tante volte, se i paroni voleva magnar, bisognava, che la ghe imprestasse i manini.

Rosina: assae, che sta serva dopo quindes' l'abbia avuto cuor de andar via.

Lucietta: La andada via, perchè no i ghe dava el salario. Eh lustrissima benedetta! Le donne no le miga tutte co fa mi, la veda. Sette mesi che i no me gnente, e taso, e per i mi paroni me farave squartar.

Ros . (Eh sì sì, anca ti ti una bela zoggia!)

Toni: Lustrissima, la domandada.

Checca: Chi ?

Toni: el lustrissimo sior Lorenzin con un vecchio.

Rosina: El sarà sior Cristofolo.

Lucietta: El barba de la mia patrona?

Checca: Sì, giusto elo. una cossa, fia, andè da basso, tirè da banda siora Meneghina, e diseghe, che la vegna da mi.

Lucietta: Lustrissima sì, subito.

Checca: Ma vardè ben, che nessun ve senta.

Lucietta: (in atto di partire) La lassa far a mi.

Rosina: No lo stèssi a dir a nissun, vedè!

Lucietta: (come sopra) Oh cossa disela! Gnanca l'aria lo saverà.

Checca: Vardè ben, che se tratta de assae.

Lucietta: In verità, lustrissima, che la me fa torto. Songio qualche pettegola? Co bisogna, so taser, e a mi no i me cava celegati de bocca. Strissime. (parte)

Checca: (a Toni) Diseghe a quel signor, che el vegna; e diseghe a sior Lorenzin, che el vaga, e che el torna, o che l'aspetta de .

Toni: Lustrissima sì. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License