Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Quinta. Meneghina, poi Rosina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Meneghina, poi Rosina

 

Meneghina: Oh poveretta mi!

Rosina: Siora Meneghina, no la se perda de anemo.

Meneghina: Cossa vorla che fazza?

Rosina: Ho visto tutto da drio quela porta. Bravo, pulito; la torna a far quello che l'ha fatto. La se butta in zenocchion, la pianza, la se despiera, la fazza finta de tirarse i cavei. Lorenzin, poverazzo, se raccomanda, el mòr, nol pòl più.

Meneghina: Povero putto! Cossa no faravio per elo? Ghe baserò la man a mio barba, ghe baserò i piè, me butterò colla bocca per terra. (parte)

Rosina: Eh per diana! nu altre co volemo, volemo; val più le nostre lagreme, che no val le spade e i spontoni. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License