Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Ottava. Cecilia, ed Anzoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Cecilia, ed Anzoletto

 

Cecilia: Vedeu che sorte de amici?

Anzoletto: A mi me lo disè? Questa zente, che ho cognossuo per causa vostra.

Cecilia: Oh via, no parlemo altro. Da vostro barba no volè ricorrer?

Anzoletto: Mi no; e po no gh'ho coraggio d'andarghe; e po son certo, che se ghe vago, el me scazza da elo co fa un baron. '

Cecilia: Se podesse parlarghe mi....

Anzoletto: No faressi gnente.

Cecilia: Perchè no faravio gnente?

Anzoletto: Perchè giusto con vu el la gh'ha suso più che con mi.

Cecilia: Credème, che me darave l'anemo de placarlo.

Anzoletto: Vu placarlo? Con quel boccon de caldo che gh'ave, vorressi placarlo?

Cecilia: Eh conosso, che adesso no più tempo de caldo.

Anzoletto: Con mi per altro el ve dura.

Cecilia: E gh'avè cuor de mortificarme in sto boccon de travaggio che son? Mo andè , che un gran can!

Anzoletto: Via, no digo altro; andè , quel che volè, montè in barca, e andelo a trovar; regolève come ve par.

Cecilia: Vegnì anca vu.

Anzoletto: Oh Mi no certo.

Cecilia: un gran omo de poco spirito. , che vegna con mi vostra sorela.

Anzoletto: Se la vorà vegnir.

Cecilia: Bisognerà ben che la vegna.

Anzoletto: Adesso saveremo dove che la . Lucietta.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License