Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Decima. Checca, Meneghina, Cristofolo e Lorenzino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Checca, Meneghina, Cristofolo e Lorenzino

 

Camera della signora Checca.

 

Checca: E viva sior Cristofolo. Viva el so buon cuor, el so bon amor, la so carità, el cielo ghe daga del ben, per el ben, che l'ha fatto a sta povera putta.

Meneghina: Certo che per grazia soa son tornada da morte a vita.

Lorenzino: Anca mi de tutto el ben, che gh'averà a sto mondo, gh'averò sempre l'obbligazion a sior barba.

Cristofolo: (a Lorenzin) Adasio, sior. No v'infuriè tanto a dirme barba, che no son gnancora vostro barba.

Checca: Oh via, se nol l'ha sposada, el la sposerà. Se nol so barba ancuo, el sarà so barba doman

Meneghina: Mo via, che nol me fazza tremar el cuor.

Lorenzino: A mi me basta quel che el m'ha ditto. Un omo de la so sorte no capace de tirarse indrìo.

Checca: No sarave ben, che fessimo do righe de scritturetta?

Cristofolo: Quel che ho ditto, ho ditto; e quel che ho ditto mantegno. La putta ghe la darò. La carica ghe la comprerò; ma avanti de serar el contratto, vòi saver dove che andada la roba de so padre. I fidecomissi no se pòl magnar; l'ha d'aver la so parte; se so fradelo ghe l'ha ipotecada, per giustizia l'avemo da liberar. Vòi far quel che posso, vòi darghe del mio, se bisogna; ma no vòi passar per minchion.

Checca: No so cossa dir: in questo no ghe posso dar torto.

Meneghina: Ih, ih, chi sa quanto ghe vorrà donca!

Lorenzino: Ste cosse no le se pòl far anca dopo?

Cristofolo: zoveni, no savè gnente. Lassème operar a mi.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License