Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Undicesima. Rosina, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Rosina, e detti

 

Rosina: Siora Checca, una parola.

Checca: Vegno, fia, con grazia. (si accosta a Rosina, e parlano piano fra di loro, e Checca si fa delle rnaraviglie)

Meneghina: Intanto dove staroggio, sior barba?

Cristofolo: Vegnirè da mi.

Lorenzino: Poderoggio vegnirla a trovar?

Cristofolo: Co ghe sarà mi, sior sì.

Meneghina: (Oh che boccon de suggizion che gh'averò.)

Checca: (Cossa se pol far? Za che ghe semo, bisogna far anca questa. La me fa tanto peccà, che no posso dirghe de no.) Siora Meneghina, la me fazza una finezza, la vaga un pochetto de con mia sorela, che gh'ho un interesseto co sior Cristofolo.

Meneghina: Volentiera. (a Checca) (La varda de farlo resolver subito.) (da sé) (Oh son segura che la lo farà!) (parte con Rosina)

Checca: Sior Lorenzin, me faressi un servizio?

Lorenzino: Son qua, la comandi.

Checca: Caro vu, andè alla posta a veder se ghe lettere de mio marìo

Lorenzino: Adesso la vòl che vaga?

Checca: Andè, i do passi. Andè, e tornè subito.

Lorenzino: Sior barba, andaralo via?

Checca: Finchè tornè no l'andarà via.

Lorenzino: Vago e torno donca. (corre via)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License