Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Dodicesima. Checca, e Cristofolo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Checca, e Cristofolo

 

Cristofolo: Ma mi bisogna che vaga via. Son vecchio. Son avvezzo a magnar a le mie ore; e ancuo per sti negozj non ho gnancora disnà.

Checca: Caro sior Cristofolo, za che el tanto bon, el gh'abbia pazienza un altro poco. El me fazza una grazia, una finezza, l'ascolta do parole da un’altra persona.

Cristofolo: Cospetto de diana! Se el mio nevodo, no lo voggio ascoltar.

Checca: Nol so nevodo.

Cristofolo: Chi donca?

Checca: Caro elo, nol vaga in collera. La la novizza de so nevodo.

Cristofolo: (con isdegno) Cossa vorla da mi?

Checca: Mi no so dasseno.

Cristofolo: Cospetto de diana! Sto incontro, fursi, fursi el desiderava, ma no ghe prometto de contegnirme. Gh'ho el gosso pien; e se me sfogo, no la diga, che ghe perdo el respetto alla casa.

Checca: Oh in questo po che el se comoda, e che el ghe diga tutto quelo che el vòl. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License