Carlo Goldoni
La cascina

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA   Pippo e la Cecca

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Pippo e la Cecca

 

CECCA

Oh Pippo, che bel gioco!

PIPPO

È un bel piacere

Godere il fresco e rompersi il sedere.

CECCA

Per dir la verità,

Anche a me questo gioco

Credo piacerà poco. — Sarà meglio,

Se a te la compagnia noia non reca,

Giocare al gioco della gatta cieca.

PIPPO

Io non so cosa sia.

CECCA

Non hai veduto

Tante volte nel prato

Un pastorel bendato

Correre qua e , pigliar, fuggire?

PIPPO

Non l’ho veduto mai.

CECCA

Stammi a sentire.

 

Si lascia da una bella

Un pastorel bendar;

E poi la pastorella

Procura di pigliar.

Si lascia circondar,

Si lascia beffeggiar;

Attento se ne va

Bendato, qua e :

Se alcuna s’avvicina,

Procura di pigliar;

E quando l’indovina,

La bella fa bendar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License