Carlo Goldoni
La castalda

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Corallina e detti.

 

COR. Signore, una visita. (a Pantalone)

PANT. El so, siora Beatrice.

COR. Un’altra.

PANT. Sì, el sior Lelio.

COR. Un’altra.

PANT. Che diavolo! Casa mia xe la casa della comunità? Chi xe st’altra visita?

COR. Il signor Florindo.

ROS. Il signor Florindo?

PANT. Coss’è, patrona, ve giubila el cuor? (a Rosaura)

ROS. Eh! niente. Diceva così per modo di dire.

PANT. Cossa avemio da far de tutta sta zente?

COR. Volete forse mandarli via?

PANT. No digo mandarli via; ma a disnar no certo.

COR. Anzi dovete invitarli, che dice la signora Rosaura?

ROS. Per me sono indifferente. Ma crederei non fosse mal fatto.

PANT. Farse magnar el nostro, xe malissimo fatto.

COR. Via, signor Pantalone, mostratevi generoso. Finalmente non sono che tre persone.

PANT. E el servitor, che xe quattro.

COR. Bene, quattro.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License