Carlo Goldoni
La castalda

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Florindo e detti.

 

FLOR. (Mi farò vedere; Rosaura mi lascierà il campo di poter parlare). (da sé)

ROS. Venite avanti, signor Florindo.

PANT. Patron mio reverito.

FLOR. La riverisco divotamente. (a Pantalone)

ROS. Grazie al cielo, il mio signor zio è contento. (a Florindo)

FLOR. Gli avete voi parlato prima di me?

ROS. No; gli ho parlato dopo; ma mi ha detto ogni cosa.

PANT. Che discorso xe questo? Mi no lo capisso.

FLOR. Dunque, signore, siete voi contento...

ROS. Sì, vi dico, è contentissimo.

PANT. Mo de cossa?

ROS. Delle mie nozze parliamo.

PANT. Sior sì, l’ho promessa; son contento, la xe novizza. (a Florindo)

FLOR. Promessa a chi?

PANT. A sior Lelio.

ROS. Al signor Lelio? (a Pantalone, con sorpresa)

PANT. Mo a chi donca?

ROS. Non al signor Florindo?

PANT. Co sior Florindo mi non ho gnanca parlà.

ROS. Non avete voi parlato con mio zio? (a Florindo)

FLOR. Veniva ora per parlargli.

ROS. Povera me! Di chi avete voi parlato sinora? (a Pantalone)

PANT. Ho parlà de sior Lelio. Non alo anca parlà con vu? No seu contenta de torlo?

ROS. Non è vero, signore.

FLOR. (Che confusione è questa?) (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License