Carlo Goldoni
La castalda

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Ottavio ed Arlecchino

 

OTT. Ma tu ti vuoi sempre frammischiare con me.

ARL. Caro sior padron, semo qua tutti do per l’istessa causa.

OTT. Io son qui per la conversazione.

ARL. E mi son qua per la conservazion.

OTT. Non ti basta mangiare una volta al giorno?

ARL. Se ozi posso magnar do volte, l’anderà per quei che stago senza magnar.

OTT. Se qualche giorno stai senza mangiare, non puoi lagnarti, sendo ancor io alla medesima condizione.

ARL. La mia panza no l’ha gnente da far colla vostra.

OTT. Il servitore non può pretendere di aver più del padrone.

ARL. E el padron no l’ha da pretender, se el magna elo, che zuna el so servitor.

OTT. Basta, per oggi te la passo.

ARL. Magnemo ozi, che un altro zorno qualcossa sarà.

OTT. Credi tu che oggi staremo bene?

ARL. Mi spererave de sì.

OTT. Ci sono dei forestieri; la tavola sarà magnifica.

ARL. Anca in cusina no se starà mal.

OTT. Ecco Corallina che torna.

ARL. Tutto xe all’ordene. Parecchiemose a devorar.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License