Carlo Goldoni
La castalda

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Corallina e Rosaura

 

ROS. Corallina mia, aiutatemi.

COR. Che c’è, signora Rosaura? Comandatemi; son qui tutta per voi.

ROS. Mio zio vuol maritarmi con quello sguaiato di Lelio; nega di volermi dare a Florindo, ed io, se non ho per marito questo, non ne prendo altri assolutamente.

COR. (Oh, mi preme ch’ella si mariti). (da sé) Non dubitate, signora, che farò io in modo che sarete contenta.

ROS. So che mio zio ha della stima di voi.

COR. Così voi aveste della bontà per me!

ROS. Che dite mai, Corallina? Sapete pure che vi voglio bene.

COR. Ora ho bisogno che me ne vogliate più che mai.

ROS. Ed io ho bisogno di voi, nel caso in cui sono.

COR. Aiutiamoci insieme, dunque.

ROS. Che potrei fare per voi? Disponete di me medesima.

COR. Sappiate, signora Rosaura, che, poche ore sono, il signor Pantalone mi si è dichiarato amante.

ROS. Buono; tanto meglio per me.

COR. E mi ha proposto di volermi sposare.

ROS. Va benissimo. Fatelo, Corallina, fatelo, per amor del cielo.

COR. Lo farò più volentieri, se voi mi date animo a farlo.

ROS. Ditegli di sì a mio zio, ma con una condizione.

COR. Con qual condizione?

ROS. Che a me dia per marito il signor Florindo.

COR. E per il resto siete contenta?

ROS. Contentissima.

COR. Non dubitate dunque, che il signor Florindo sarà per voi.

ROS. E voi resterete la padrona di questa casa.

COR. (Questo è quel ch’io desidero). (da sé)

ROS. Altrimenti io non mi marito; e avrete in casa una disperata.

COR. Venite meco. Andiamo a vedere, se si può parlare al signor Florindo.

ROS. Se il zio mi vede...

COR. Se siete meco, non abbiate paura.

ROS. Andiamo dunque, se così vi piace.

COR. Oggi saremo tutte due contente. Ma chi lo sarà più di noi?

ROS. Spererei che dovesse esser maggiore la mia contentezza.

COR. Per qual ragione?

ROS. Perché il mio sposo è giovane, e il vostro è vecchio. (parte)

COR. Per me vorrei ch’egli avesse altri vent’anni di più, purché per ogni anno gli crescessero mille scudi. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License