Carlo Goldoni
Il cavaliere di spirito

ATTO QUARTO

SCENA SESTA   Donna Florida e i suddetti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Donna Florida e i suddetti.

 

FLO.

(Oimè! cadde il meschino). (da sé, sulla porta della camera, non veduta)

CLA.

Tua vita è in mio potere. (minacciando don Flavio)

FLA.

Non è, ferir chi cadde, azion da cavaliere.

CLA.

Né fu gloriosa azione venirmi ad assalire

In domestico sito. Perfido, hai da morire. (lo vuol ferire)

FLO.

Ah, trattenete il colpo. (arresta il braccio a don Claudio)

CLA.

Va, che sei fortunato (a don Flavio)

FLO.

Partite. (a don Claudio)

CLA.

Non si speri ch'io parta invendicato.

FLO.

Qual prepotenza è questa? Olà, fuor del mio tetto. (a don Claudio, incalzandolo verso la porta)

FLA.

Son cavalier, lo sdegno di femmina rispetto. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License