Carlo Goldoni
Il conte Chicchera

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA Cavallina e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA


Cavallina e detta.


CAV.

Oh signora padrona, in avvenire

Vuò che mi rispettiate.

MAD.

Per qual ragion?

CAV.

Sappiate,

Che il signor conte Chicchera garbato

È delle mie bellezze innamorato.

MAD.

Davver?

CAV.

Ve lo protesto:

Ho riso più d’un poco,

E di lui, come va, mi presi gioco.

MAD.

Ho piacer di saperlo. Quando viene,

Mi voglio divertir. Ma tu in avanti

Principia a disprezzarlo,

Ed uniamoci insieme a disperarlo.

CAV.

Sì, sì, già non ci penso,

E per svelarvi il cuore,

Amo, più del padrone, il servitore.

MAD.

Guarda chi è. (accenna lanticamera)

CAV.

Sì, signora. (parte)

MAD.

Che ritorni da me non vedo l’ora.





Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License