Carlo Goldoni
La contessina

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Il Conte, poi Gazzetta

 

CON.

Camerieri, staffieri, cuochi, sguatteri,

Tutto in ordin sia posto;

S'attende in questo giorno da Milano

Il celebre marchese Cavromano.

Or sì ch'io son contento

Di dar la contessina al marchesino,

Ora che vien dal proprio suo paese

A dimandarla il genitor marchese.

GAZZ.

Lustrissimo patron, allegramente.

CON.

Che c'è di nuovo?

GAZZ.

Forestieri.

CON.

È forse

Del marchese Lindoro il genitore?

GAZZ.

Credo de sì.

CON.

È in gondola?

GAZZ.

In burchiello

Cargo da poppe a prova

Con tanti intrighi e tanti,

Che una barca la par de comedianti.

CON.

È lui senz'altro. Vanne tu, Gazzetta,

Apri tosto la riva.

Fa che introdotto sia.

GAZZ.

Ghe mancava de più st'altra caìa. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License